Pescara, col cavallo al galoppo sulla pista ciclabile

dav

In sella ad un cavallo bianco con macchie nere, al galoppo, sulla pista ciclabile della riviera Nord di Pescara, nel centro della città. E’ quanto accaduto stamani nel capoluogo adriatico. Il video spopola sui social. Sanzionato un 31 enne di Nocciano.

I video del curioso episodio sono finiti sui social network e stanno facendo il giro della rete. Petto nudo, occhiali da sole, monta all’americana, il protagonista dell’episodio, in sella ad un cavallo sudamericano, probabilmente un Argentino, ha alternato trotto e galoppo, in alcuni casi a velocità sostenuta. Sanzionato per circolazione su marciapiedi l’uomo che ha percorso marciapiede e pista ciclabile della riviera Nord di Pescara in sella ad un cavallo. Nei suoi confronti è stata elevata una multa di 41 euro. Si tratta di un 31 enne di Nocciano, rintracciato dagli agenti del Gruppo di intervento operativo nucleo antidegrado (Giona) della Polizia municipale. I poliziotti, diretti dal maggiore Danilo Palestini, lo hanno trovato all’altezza dello stabilimento balneare ‘Croce del Sud’, sul marciapiede lato monti. Dopo le formalità, l’uomo è stato invitato a lasciare l’area urbana ed ha raggiunto la zona della Madonnina, dove aveva parcheggiato il carrello per il trasporto dell’animale. “Avvistamenti sono comparsi sui social già nella tarda mattinata – spiega l’assessore alla Polizia municipale, Gianni Teodoro – ma il Giona è intervenuto per sua iniziativa, ciò significa che molti hanno fotografato, filmato e postato questa assurda impresa, ma una sola segnalazione è arrivata alla Polizia Municipale in mattinata, quando era già andato oltre Pescara. L’uomo è stato identificato e sanzionato dal Giona quando nel pomeriggio è ricomparso e gli è stata comminata una multa da 41 euro come prevede il Codice della Strada e una diffida a riportare il cavallo in maneggio.”. Il giovane, che ha un maneggio a Nocciano, stando a quanto dichiarato agli agenti, avrebbe deciso di portare il cavallo sulla costa per fare una passeggiata sul mare con la ragazza, scegliendo poi i marciapiedi rivieraschi di Pescara e Montesilvano, senza considerare le conseguenze, sia per la circolazione, che per l’incolumità di quanti si trovavano sul marciapiede e sulla pista ciclabile. “Quello che è successo non è solo grave, ma è surreale, per le conseguenze che avrebbe potuto avere e anche per il fatto che gli interpreti di questa assurda vicenda non si siano affatto posti nessun tipo di problema nel cavalcare sui marciapiedi in una città come Pescara che d’estate vive sulla riviera: né per l’ordine e l’incolumità pubblica, sia dei passanti che dello stesso cavallo, né per il rispetto delle regole di civile convivenza che dovrebbero regnare sempre e a ogni età”, conclude l’assessore

Sii il primo a commentare su "Pescara, col cavallo al galoppo sulla pista ciclabile"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*