Omicidio Tagliacozzo, confermata condanna in appello

Omicidio Tagliacozzo, confermata condanna in appello. Confermata in Corte d’Assise d’Appello, a L’Aquila, la condanna a 16 anni anni di reclusione per Pietro Catalano, l’uomo di 50 anni, condannato in primo grado per l’omicidio volontario, con due colpi di pistola, di Marco Callegari, omicidio avvenuto il 10 settembre del 2015 in località Piccola Svizzera di Tagliacozzo.

I giudici hanno così confermato la sentenza emessa dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Avezzano, Maria Proia, rigettando la tesi difensiva dei legali del cinquantenne fondata sulla legittima difesa. “Si è confermata la correttezza della sentenza di primo grado – ha dichiarato l’avvocato della parte civile, Antonio Milo – la quale a mio avviso aveva escluso l’aggravante della premeditazione che avrebbe comportato una pena certamente più alta per un fatto gravissimo”. Catalano, attraverso il suo legale Romolo Longo, ha sempre dichiarato, invece, di aver agito per legittima difesa.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Tagliacozzo, confermata condanna in appello"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*