L’Aquila, vertenza Globe Network: la protesta dei lavoratori

Ancora una vertenza sindacale, ancora un’azienda che si prepara a licenziare i suoi lavoratori, ancora una crisi lavorativa all’Aquila, città perennemente in crisi.

Questa volta tocca al call center Globe Network che gestisce la commessa dell’H3G per conto della compagnia telefonica Tre, come unica commessa. La società ha deciso, di punto in bianco, che all’Aquila non ci vuole più stare e taglierà via via il servizio. Per questo al grido “lavoro, lavoro” questa mattina i 234 lavoratori del call center si sono piazzati davanti alla caserma Pasquali per protestare contro questa decisione che dal 1° luglio li vedrà senza lavoro. Tra loro anche tanti giovani, ma pure genitori preoccupati ora per il futuro delle loro famiglie. Al fianco dei lavoratori, che hanno scelto la Caserma Pasquali per gridare il loro no al licenziamento proprio per intercettare il passaggio dei ciclisti del Giro d’italia, di cui la Tre è sponsor – ci sono tutte le sigle sindacali della provincia.

call center globe network

La società non intende, fino a ora, tornare sui suoi passi, e ha fatto sapere solo ieri mattina ai suoi dipendenti che da lunedì prossimo le telefonate in entrata andranno via via diminuendo fino alla fine di giugno. Data in cui si interromperà la collaborazione con il cliente H3g. Qualche novità potrebbe emergere dall’incontro a livello nazionale che si terrà martedì prossimo a Roma tra i sindacati e i vertici della Tre.

call center globe network

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, vertenza Globe Network: la protesta dei lavoratori"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*