Masterplan Abruzzo: per le opposizioni “un libro dei sogni”

renzi-masterplan1

Saranno quattro le aree di intervento su cui inciderà il masterplan per l’Abruzzo, il documento in cui la Regione individua gli interventi prioritari e le aree di intervento strategiche per il territorio regionale.

Il documento di programmazione economico-finanziaria della Regione sottoscritto anche dal presidente del consiglio dei ministri Matteo Renzi, che venne all’Aquila a primavera per firmarlo tra applausi ma anche critiche. Infrastrutture (oltre 460 milioni di euro), ambiente (451), sviluppo economico (151 milioni), turismo e cultura (227 milioni), per un totale di quasi un miliardo e trecento milioni di euro: queste le principali linee d’intervento. Per la maggioranza, che ha voluto per oggi un consiglio regionale straordinario ad hoc, finalmente si fa sul serio, per le opposizioni si tratta di un libro dei sogni.

MASTERPLAN APPROVATO NEL POMERIGGIO A MAGGIORANZA

Il Consiglio regionale straordinario convocato per discutere dell’attuazione del Masterplan si è concluso con l’ approvazione del documento presentato dalla stessa maggioranza. Nella richiesta avanzata dai Consiglieri di maggioranza (D’Alessandro, Monaco, Monticelli, Balducci, Mariani, Paolucci, Paolini, Berardinetti, Olivieri) si chiedeva al Governo regionale di dare attuazione ai progetti del Masterplan, riferendo periodicamente in Consiglio regionale del loro stato di avanzamento e di considerare prioritari tutti gli interventi inseriti nel programma al fine dell’ottenimento dei pareri di competenza regionale. Respinto un secondo documento presentato dalle minoranze (Centro-destra, Movimento Cinque Stelle) che esprime preoccupazione per l’iter seguito nella stesura del Masterplan in quanto prevede interventi parcellizzati che ne vanificano l’efficacia. Inoltre nel documento si denuncia che i fondi europei della programmazione 2014-2020 sono totalmente inutilizzati e che quelli del FSC 2017-2020 rischiano il disimpegno. Il documento delle minoranza auspica una decisa accelerazione nella cantierabilità dei progetti contenuti nel Masterplan soprattutto per quelli inerenti le criticità infrastrutturali ed ambientali della Regione Abruzzo

Le posizioni al microfono del Tg8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Masterplan Abruzzo: per le opposizioni “un libro dei sogni”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*