Pescara: barista picchiato da un francese

Aggredito titolare del “Bar Lucio” vicino alla stazione di Pescara. L’uomo di 85 anni è stato ferito da un francese in stato confusionale.

Ennesimo episodio di violenza a Pescara in pieno centro, a due passi dalle aree di risulta. Poco dopo le 6.40 oggi è stato aggredito il titolare del Bar ‘Lucio’ di corso Vittorio Emanuele. L’uomo, 85enne, ha riportato una lesione al padiglione auricolare. Trasportato in ospedale in ambulanza, è stato medicato e giudicato guaribile in sette giorni. In base alla ricostruzione della Polizia, l’aggressore è entrato nel bar apparentemente in stato confusionale e ha preso a pugni il titolare. Si tratta di un francese di 30 anni, denunciato per lesioni personali lievi. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra Volante della Questura di Pescara che hanno rintracciato il giovane poco distante dal bar. Il trentenne, residente in Francia, secondo accertamenti della Polizia, è a Pescara di passaggio. Proprio a poche centinaia di metri dal bar, sabato scorso, in corso Vittorio Emanuele, un giovane nigeriano era rimasto ferito dopo una lite con un connazionale.

 

PETTINARI: BLUFF DELLA LEGA SULLA SICUREZZA- “Ancora un episodio di accoltellamento a Pescara, seguito a poche ore di distanza dall’aggressione del titolare di un bar in zona stazione. Mai tanti episodi di violenza si sono registrati come negli ultimi mesi a Pescara, e non solo, come ci racconta la cronaca. E’ il momento che il centro destra, e la lega in particolare, prendano atto che sulla sicurezza hanno registrato il più grande fallimento di sempre” ad affermarlo è il Vice Presidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari che incalza “Hanno fatto una propaganda sulla sicurezza senza precedenti, hanno chiesto voti ai cittadini facendo appello alla paura e vendendosi come risolutori con una linea dura che avrebbe reso le nostre strade sicure ed invece, nonostante stiano al governo della Regione, del Comune, della Provincia e a capo del Ministero dell’Interno, sulle nostre strade si registrano continuamente episodi di violenza. Un grande bluff a discapito dei cittadini che li hanno votati e che oggi, paradossalmente, si trovano a vivere in città meno sicure di quando la Lega non c’era!. Con la connivenza di chi non vuole riconoscere lo stato di emergenza, permettendo l’avvio dell’operazione Strade Sicure, la Lega assiste inerme e impacciata a una questione che gli sta palesemente sfuggendo di mano. Ammettano il fallimento e chiedano aiuto. Sostengano la nostra richiesta di dichiarare lo stato di emergenza e facciano, davvero, il bene dei cittadini. Lo devono a tutti gli abruzzesi che hanno abbagliato con promesse sulla gestione della delinquenza e che ad oggi sono completamente disattese. Se non riescono a far attivare l’esercito prendano almeno la responsabilità di istituire unità fisse di controllo nei quartieri sensibili: Fontanelle, Rancitelli, Via Rigopiano, Quadrilatero stazione centrale. Chiedano l’intervento del CIO (Compagnia Intervento Operativo) dell’Arma dei Carabinieri. Adesso basta con le parole, basta con la propaganda, facciano quanto hanno promesso perché il tempo delle parole è finito”. Conclude.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Pescara: barista picchiato da un francese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*