Alba Adriatica: sala Comune rifugio per senzatetto

barboni11

La sala del Comune delle conferenze di via Bafile, ad Alba Adriatica, diventa rifugio notturno per alcuni senzatetto.

Ieri mattina la Polizia municipale, dopo alcune segnalazioni dei cittadini che si erano recati nei vari uffici, hanno trovato la porta aperta della sala, imbattendosi in due giovani disperati che dormivano sul pavimento. I Carabinieri hanno identificato le due persone e le hanno allontanate dalla struttura. Il sindaco di Alba Adriatica, Tonia Piccioni, ha mostrato una certa preoccupazione per l’accaduto, soprattutto per il fatto che i due giovani, provenienti con molta probabilità dalla vicina San Benedetto per acquistare stupefacenti, avessero le chiavi delle vetrina d’ingresso della sala. Le chiavi, hanno appurato le indagini dei Carabinieri, erano state sottratte al parroco di Alba don Stefano che utilizza momentaneamente la sala del Comune di via Bafile per celebrare Messa, in attesa dell’ultimazione dei lavori nella chiesa di Sant’Eufemia che ora è chiusa. Le chiavi sono state riconsegnate al sacerdote proprio dai due giovani disperati.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Alba Adriatica: sala Comune rifugio per senzatetto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*