Sigilli al centro massaggi a luci rosse

centro massaggi polizia 2

Sigilli al centro massaggi a luci rosse. Dopo un’intensa attività di indagine, durata oltre quattro mesi, gli uomini della Squadra anti crimine del Commissariato di Sulmona hanno posto fine all’attività di prostituzione all’interno di un centro massaggi terapeutici situato all’interno del Centro Commerciale Il Borgo.

Dietro l’insospettabile attività di centro massaggi terapeutici, una coppia di cinesi di 30 anni ed un fisioterapista 40 enne di Avezzanno, considerato un prestanome, gestiva il fiorente giro di massaggi “particolari”. La donna di origine cinese, è accusata di aver messo organizzato l’attività di sesso a pagamento, mentre per il suo compagno, ed il fisioterapista marsicano, l’accusa e di induzione alla prostituzione. Nel locale venivano pubblicizzati massaggi terapeutici al costo di 30 euro ma una volta dentro i clienti potevano optare per un altro tipo di prestazione con un costo che variava dai 60 ai 100 euro. Molte le persone insospettabili che frequentavano il centro benessere. Dalle indagini è emerso che in un mese oltre 150 clienti frequentavano la struttura per un volume di affari di circa 15 mila euro.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

1 Commento su "Sigilli al centro massaggi a luci rosse"

  1. Il borgo in questa storia cosa ha a che fare?
    Mi chiedo ma quando scrivete voi giornalisti … fate un copia e incolla dalle agenzie di stampa?
    Il centro massaggi sta in una struttura fuori dal borgo. ..
    Se fossi i fratelli Sarni (i proprietari del borgo) vi avrei querelati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*