L’Aquila, Accord Phoenix: il maltempo fa tardare le assunzioni

Il maltempo ritarda i lavori di risistemazione del tetto dell’Accord Phoenix e slittano le prime venti assunzioni. Ancora nulla di fatto dunque sul fronte dell’avvio delle attività di una delle aziende più attese per la ripresa occupazionale dell’Aquila, che gradualmente dovrebbe arrivare a riassumere circa 150 lavoratori dell’ex polo elettronico.

La pioggia che si è protratta fino a pochi giorni fa, di fatto ha rallentato il rifacimento del tetto dell’enorme stabilimento, aggravando la già difficile situazione di molti lavoratori: sono 120, infatti, quelli rimasti senza reddito da mesi, in alcuni casi anche da oltre un anno.

Le prime assunzioni dell’Accord Phoenix, l’azienda dell’imprenditore inglese di origini indiane Ravi Shankar, che si occupa della lavorazione degli scarti di materiale elettronico, avrebbero dovuto esserci il 30 giugno scorso. Nulla di fatto invece, per ora: i lavoratori delle aziende fallite – Pa Service, Fida, Intercompel, Finmek – dovranno ancora aspettare.

Intanto, venerdì pomeriggio le porte dello stabilimento saranno aperte alla stampa, alla politica e al prefetto.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, Accord Phoenix: il maltempo fa tardare le assunzioni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*