Villaggio Mediterraneo: i re del mattone contro l’ateneo

campusxcampusx

Villaggio Mediterraneo: i re del mattone contro l’ateneo. I costruttori Gianni Di Cosmo e Daniele Becci chiedono un risarcimento milionari, ben 8,5 milioni di euro, al rettore dell’Università D’Annunzio, Carmine Di Ilio.

Chiamato a rispondere anche il Direttore Generale dell’ateneo, Filippo Del Vecchioper il nuovo polo didatticodella D’Annunzio progettato e mai nato all’interno del Villaggio del Mediterraneo.

Il maxi risarcimento è stato richiesto dai due imprenditori per il danno subito. Tra una settimana prenderà il via il processo civileMercoledì prossimo infatti, davanti al Giudice, Alberto Iachini Bellisari si terrà l’ultima udienza per la produzione delle prove. Per il prossimo mese di dicembre sono attese le conclusioni della causa milionaria. Il contenzioso a sei zeri, lo ricordiamo, rientra nel progetto, da 150 milioni di euro, spalmato su oltre 16 ettari di terra tra via dei Vestini e il Campus della D’Annunzio, che venne messo in cantiere più di otto anni fa grazie a un protocollo d’intesa tra Università, Comune ed altri enti.

 

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Villaggio Mediterraneo: i re del mattone contro l’ateneo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*