Cinghiali: le proposte di Ambiente e/è Vita

Cinghiali

Dopo l’incidente costato la vita a un 39enne de L’Aquila, l’associazione Ambiente e/è Vita propone soluzioni e richieste per far fronte alla questione cinghiali.

La tragica fatalità occorsa nella giornata di  mercoledì a L’Aquila direttamente connessa al crescente disagio nella circolazione viaria, l’incremento esponenziale dei danni all’agricoltura, la pericolosità di percorrere i sentieri delle Riserve e dei Parchi ed una convivenza ‘costretta’ nelle aree urbane: sono solo alcuni dei principali problemi che la presenza di cinghiali provoca nella provincia dell’Aquila. A sottolinearlo è l’associazione ‘Ambiente e/è Vita’ Abruzzo Onlus.

“Da anni oramai – afferma il dottor Francesco Benedetti in qualità di Responsabile di settore di Ambiente e/è Vita Abruzzo Onlus – si discute di pianificazione e di interventi organici volti a limitare il proliferare di una specie che, oltre a rappresentare un serio pericolo per la sicurezza stradale e per la vita umana, costituisce un elemento anche di indubbio disequilibrio nell’ecosistema dei nostri territori”. “Nel corso degli ultimi mesi abbiamo dato corso ad una serie di incontri con i Comuni e gli Amministratori locali e programmato un ventaglio di iniziative – continua l’esponente associativo – che mirano, oltre a far conoscere le opportunità previste dalla vigente normativa nazionale, regionale e dalle linee guida ISPRA, anche a promuovere una metodologia operativa che nel rispetto della biodiversità e della tutela ambientale giunga a delineare una politica di contenimento e di riequilibrio della presenza di cinghiali nei differenti comprensori che compongono la nostra provincia”. “Riteniamo, in primo luogo,al fine di sviluppare una strategia di ‘sistema’ che si debba poter contare – prosegue Benedetti – su dati assolutamente certi in ordine alla grandezza del fenomeno giacché siamo portati a credere che i censimenti effettuati debbano essere necessariamente implementati e ridefiniti. Un utile soccorso potrebbe giungere dalle popolazioni residenti nel Parco Sirente Velino e da parte delle Associazioni di Categoria che debbano poter concorrere alla definizione di una quadro di azione sinergico e concretamente efficace. In tal senso potrebbe risultare indispensabile anche pensare di potenziare le strutture del Parco Sirente Velino attraverso una ridefinizione della pianta organica stimolando la Regione Abruzzo affinché consenta la mobilità del personale da altri Enti in attesa di nuova collocazione consentendo la creazione di un pool di esperti a servizio presso l’Ente Parco. Il costo dell’operazione risulterebbe essere pari a zero trattandosi di stipendi comunque erogati”. “Presto inoltre – ha affermato il responsabile associativo in conclusione – ci faremo promotori di una grande assemblea che chiamerà a raccolta le associazioni delle categoria agricole e degli allevatori finalizzata a proporre alla Regione Abruzzo una proposta organica di azioni ed una calendarizzazione di attività che riduca il rischio di veder peggiorare la già grave situazione.”

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Cinghiali: le proposte di Ambiente e/è Vita"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*