Consiglio Pescara: no a furti biciclette, sì a “writers”

bici-furti

Il Consiglio Comunale di Pescara ha approvato due mozioni relative all’individuazione di spazi destinati ai “writers” e per il contrasto ai furti delle biciclette in città.

Il Consiglio Comunale di Pescara ha approvato, nella seduta di ieri, due mozioni. La prima, presentata dai consiglieri Lola Gabriella Berardi e Adamo Scurti, riguarda l’individuazione da parte della Giunta e del sindaco di spazi adeguati da destinari ai “writers”, dove potersi esprimere senza danneggiare monumenti e pareti cittadine anche di valore storico. L’altra mozione, invece, presentata dai Daniela Santroni e Ivano Martelli riguarda il contrasto ai furti di biciclette in città, diventata una vera e propria emergenza con decine di casi registrati ogni giorno. Nella mozione, si chiede all’amministrazione comunale di adottare tutti i comportamenti per aumentare non solo la sorveglianza delle rastrelliere e delle postazioni dove vengono solitamente custodite le biciclette da parte della Polizia Municipale, ma anche di avviare interventi che possano permettere di rintracciare le biciclette o i pezzi di biciclette rubate, come la marchiatura antifurto.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Consiglio Pescara: no a furti biciclette, sì a “writers”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*