L’Aquila, consiglio regionale: ecco come rinascerà l’Emiciclo

Il cantiere dell’Emiciclo è a un quinto del suo percorso di ricostruzione. Con meno di 9 milioni di euro previsti per i lavori è il primo cantiere di una struttura pubblica istituzionale avviato in centro storico e sarà la prima a essere restituita alla città tra un anno circa.

Tutto nei tempi, per un lavoro complesso che cambierà il profilo del palazzo dell’Emiciclo come noi oggi lo conosciamo, e che tornerà a recuperare molto del suo disegno originale: diventerà la conclusione di un grande spazio di piazza che comprenderà anche il centro della villa comunale, com’era all’inizi del 900, un patrimonio di tutta la città. A  illustrare questa mattina in un tour con la stampa i progressi del cantiere, oltre al  direttore Paolo Costanzi, anche i responsabili della ditta appaltatrice e i progettisti, Riccardo Vetturini, Lucio Zazzara e Giacomo Di Marco.

Sono 7.250 le ore lavorate dalla partenza del cantiere, nel gennaio scorso. Si stima, inoltre, di consegnare i lavori prima della data prevista, che coincide con la primavera del 2017. Sarà un edificio antisismico al 100%, anche grazie all’introduzione degli isolatori sismici. La chicca è la trasformazione dell’ex Sala Michetti in un giardino d’inverno, mentre l’ex Gil ospiterà la scuola di alta formazione Gran Sasso science institute.

Il servizio del Tg8:

IMG_20160531_102254 IMG_20160531_102306 IMG_20160531_103634 IMG_20160531_105837 IMG_20160531_105856

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, consiglio regionale: ecco come rinascerà l’Emiciclo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*