Chieti: “Puzza insostenibile a san Martino”

chieti-scalo

I residenti e i negozianti della zona di San Martino a Chieti non ne possono più: il cattivo odore è diventato insostenibile.

Il sindaco Di Primio ha annunciato un esposto in Procura per stabilire l’origine del terribile odore che da settimane imperversa sulla zona, gli abitanti sono costretti, il più delle volte a tenere le finestre sbarrate, per i negozianti è un deterrente, perché, dicono, non ci sono più clienti. Gli abitanti e i negozianti della zona hanno provveduto ad una raccolta di firme per risalire alla causa e alla responsabilità dell’odore malsano nella zona.

Già lo scorso 12 maggio il primo cittadino aveva inviato una lettera ad Arta, Asl, procura, polizia municipale e consorzio di bonifica chiedendo di fare luce sui cattivi odori più volte segnalati nella zona, senza tuttavia ottenere alcuna risposta. Di ieri l’ennesimo sollecito, ma se entro la settimana non arriveranno risposte concrete, il Comune si rivolgerà direttamente alla Procura.

Il servizio del Tg8

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Chieti: “Puzza insostenibile a san Martino”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*