Vasto: riaperti i giardini di Palazzo D’Avalos

palazzo-davalos-vasto1

A Vasto da stamani riaperti i giardini di Palazzo D’Avalos, dopo i lavori per il crollo di uno dei muri di contenimento dell’edificio.

Da questa mattina sono tornati pienamente fruibili i giardini napoletani di Palazzo D’Avalos a Vasto, una parte dei quali era stata chiusa al pubblico dopo il crollo di uno dei muri di contenimento dell’edificio storico che si affaccia sul mare. Il presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso ha inaugurato la riapertura. Il cedimento strutturale era avvenuto a gennaio dello scorso anno, a causa di un’ondata di maltempo che colpì la zona. L’intervento di ripristino è stato interamente finanziato dalla Regione per un importo di 425mila euro. Il progetto ha visto la ricostruzione della parete (alta 13 metri) con materiale originario, così come prescritto dalla Soprintendenza ai beni storici e architettonici. E’ stata messa inoltre in sicurezza l’intera struttura, con la realizzazione di un muro interno di cemento armato largo un metro e 80 centimetri, con una fondazione larga cinque metri e tre file di micropali, inseriti nel terreno fino a 10 metri di profondità.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Vasto: riaperti i giardini di Palazzo D’Avalos"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*