Thales: fabbrica occupata, lavoratori non si arrendono

Thales: prosegue l’occupazione della fabbrica di Chieti Scalo da parte dei lavoratori che non accettano la decisione dell’azienda di trasferire i dipendenti a Firenze.

Va avanti da giorni il presidio permanente alla Thales, messo in atto dai lavoratori che ormai risiedono da martedì nello stabilimento di Chieti Scalo. Le iniziative di lotta sindacale procedono con partecipazione e convinzione, spiegano i sindacati e le Rsu. Hanno passato anche la Pasqua in fabbrica, dove è stata celebrata una Messa e niente gita fuori porta a Pasquetta: i dipendenti della Thales non si arrendono, dopo la decisione dell’azienda di trasferire le maestranze a Firenze e l’annuncio della vendita dello stabilimento teatino. Intanto la segreteria provinciale della Fiom in una conferenza stampa, ha annunciato iniziative, come la possibilità di uno sciopero generale che coinvolgerà tutti i metalmeccanici della provincia di Chieti.

Il Video:

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Thales: fabbrica occupata, lavoratori non si arrendono"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*