Thales, 21 giorni di speranza

Resta appesa al filo dei 21 giorni di “congelamento” che i vertici aziendali hanno disposto per la cessione di un importante progetto ingegneristico, ad una società malese, la speranza dei lavoratori Thales di Chieti scalo.

Il progetto si chiama Star Mille ed è, molto in sintesi, la Radio del Soldato: la notizia che l’azienda abbia deciso di congelare per altri 21 giorni il passaggio della produzione dell’importante sfida ingegneristica ad una società malese, da tempo pronta ad entrare nel gruppo Thales, alimenta più di una speranza negli oltre 90 lavoratori dello stabilimento di Chieti scalo. La notizia, fino a sabato indiscrezione, è stata confermata ieri al termine di un tavolo romano svoltosi presso il Ministero dello Sviluppo economico: incontro disertato ancora una volta dai rappresentati francesi del gruppo. Cauto ottimismo quello espresso dai sindacati di ritorno dal tavolo romano: i 21 giorni supplementari concessi agli ingegneri della sede abruzzese rappresentano comunque un stand-by riflessivo. Prossimo vertice ministeriale il tra 20 giorni esatti, il 21 marzo.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Thales, 21 giorni di speranza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*