Teramo: trivelle, Ministero porta tutto oltre 12 miglia

Trivelle a mare, il Ministero dell’Ambiente porta tutto oltre le 12 miglia, dopo la diffida della Provincia e di sette comuni della costa teramana.

Il ministero dell’Ambiente, dopo aver ricevuto la diffida presentata dai legali della Provincia di Teramo, dai sette comuni della costa teramana e da due comuni marchigiani (Cupra marittima e Pedaso) ha riperimetrato l’area della concessione alla società inglese Spectrum Ltd, area che oggi ricade tutta al di fuori delle 12 miglia, la cosiddetta fascia di tutela. La nuova riperimetrazione è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale degli Idrocarburi e delle Georisorse del 4 febbraio.

“Una ammissione implicita del fatto che, cosi’ come abbiamo sempre sostenuto, la concessione alla Spectrum Ltd non rispettava la fascia di tutela, contrariamente a quanto scritto nel Decreto che concedeva il Via – dichiara il presidente Di Sabatino – dopo la modifica dell’articolo 6 del Codice dell’Ambiente in vigore dal primo gennaio di quest’anno, i nostri avvocati hanno subito presentato una diffida al ministero dell’Ambiente e al ministero per lo Sviluppo Economico. E il Mise, il 4 febbraio, ha pubblicato la nuova perimetrazione”.

 

Ma il contrasto alle concessioni per l’estrazione di idrocarburi in mare e’ appena iniziata, sottolinea Renzo Di Sabatino: “Personalmente appoggio la campagna referendaria e il 17 aprile votero’ si’ – spiega Di Sabatino – perche’ credo che questo sia l’unico modo per sostenere la strada di una politica energetica basata sulle rinnovabili e sulle nuove tecnologie; perche’ se e’ vero come e’ vero che il Paese ha una situazione piuttosto critica in termini di sicurezza e indipendenza degli approvvigionamenti e’ indiscutibile che la quota di petrolio che arriva dall’Adriatico e’ talmente irrisoria da non giustificare in alcun modo i danni che comporta all’ambiente e alle economie locali e infine, perche’ il quesito referendum e’ assolutamente ragionevole e di buon senso: se vince il si’ si bloccherebbe il rinnovo delle concessioni che gia’ operano entro le 12 miglia”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Teramo: trivelle, Ministero porta tutto oltre 12 miglia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*