Tagliacozzo: violenza sessuale, processo per quattro

Tribunale2

Tagliacozzo: violenza sessuale di gruppo nei confronti di una giovane, in quattro sotto processo.

Quattro ragazzi sono finiti sotto processo con l’accusa di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una giovane. L’accusa contesta loro anche di aver cercato di impedire ai testimoni di denunciare l’accaduto e di aver picchiato un giovane intervenuto in difesa dell’amica. La vicenda risale al 2010, quando a Tagliacozzo, nel corso della “Caccia al tesoro”, quattro ragazzi, a bordo della loro auto, avvicinarono una giovane di Avezzano. Uno dei quattro, un Albanese allora minorenne, dal sedile posteriore, prese la ragazza per i capelli e la costrinse a subire atti sessuali contro la sua volontà. Scesi dalla macchina, i quattro hanno iniziato anche a inveire contro altre ragazze che erano in compagnia della giovane di Avezzano e colpirono con una bottiglia l’unico ragazzo presente facendolo finire in ospedale. Ieri il giovane aggredito è comparso in Tribunale come parte civile. Finora sono stati ascoltati quasi tutti i testimoni dell’accusa. la prossima udienza il 7 aprile.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Tagliacozzo: violenza sessuale, processo per quattro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*