Sgarbi ad Alessandrini: “Si guardi dagli uomini non dagli alberi!”

Dopo lo scrittore Erri De Luca e l’attore Alessandro Gassmann, anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi interviene in difesa dei pini di Pescara e si rivolge al sindaco Alessandrini.

Il post di Vittorio Sgarbi sulla vicenda alberi a Pescara, non è di certo passato inosservato, tanto che è stato ripreso anche dalla stampa nazionale. Con la veemenza dialettica a cui Sgarbi ci ha abituati, si rivolge direttamente al sindaco Alessandrini per fermare quella che definisce “l’ennesima strage di alberi”. L’intervento di Sgarbi segue di pochi giorni quello di Erri De Luca e di Alessandro Gassmann a sostegno delle ragioni di ambientalisti e cittadini.

“Al sindaco dico: si guardi dagli uomini, non dagli alberi”, scrive Vittorio Sgarbi sul suo profilo Facebook. “Difficile condividere, pur riconoscendone la buona volontà, la decisione del sindaco di Pescara Alessandrini: gli alberi sono un pericolo, per questo li abbatto. Sembra vero il contrario. Gli uomini sono un pericolo. Come accade a Pescara, e come è già accaduto a La Spezia, non si è mai visto un albero abbattere un uomo. Si sono sempre visti uomini abbattere alberi. L’uomo, come la donna, è mobile, E può schivarli. Mentre gli alberi cadono, con qualche esitazione, non d’improvviso. Un albero prima muore e poi sarà tagliato dall’uomo. Non ho nessuna fiducia nelle relazioni scientifiche che dichiarano gli alberi malati. Sono più facilmente – tuona Sgarbi – malate le menti di quelli che fanno relazioni scientifiche. Ricordo che molti critici dichiararono autentiche le pietre di Modigliani trovate nel fosso di Livorno perché le relazioni scientifiche dichiararono che erano in acqua da 80 anni. Forse, in quanto sassi. Di scientifico c’è l’inattendibilità delle relazioni scientifiche. Suggerirei al sindaco Alessandrini, di astenersi, gli alberi non uccidono, gli uomini sì. Verifichi nel corso degli ultimi 50 anni quanti sono gli uomini uccisi da alberi e quanti gli uomini e gli alberi uccisi dagli uomini. Suggerisco: guardarsi dagli uomini, non dagli alberi”, conclude perentorio Sgarbi.

Intanto domani, a Pescara, ci sarà il tavolo tecnico voluto dalla Soprintendenza.

(Sotto il post integrale di Sgarbi su Facebook) 

sgarbi111

(Sotto la parte finale diretta al sindaco Alessandrini e due immagini di Pescara ieri e oggi a confronto)

sgarbi2-post-alberi

 

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Sgarbi ad Alessandrini: “Si guardi dagli uomini non dagli alberi!”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*