Il racconto di Razzi di ritorno da Corea e Mongolia (Video)

razzi-mongolia1

Il senatore Antonio Razzi, di ritorno dalla Corea del Nord e dalla Mongolia a capo di una delegazione di parlamentari e imprenditori, racconta il suo viaggio.

Il segretario della Commissione Esteri del Senato, Antonio Razzi, era partito il 26 agosto scorso alla volta della Corea del Nord (dov’è quasi di casa ormai) e della Mongolia. A riceverlo sono state le più alte cariche dello Stato. Razzi assieme alla delegazione di parlamentari e di imprenditori, ha partecipato, come unica delegazione straniera, al nono congresso nazionale dei giovani che si è tenuto nello stadio della capitale della Corea del Nord, con 200 mila persone. “L’ennesimo viaggio in Corea del Nord – ha precisato Razzi – all’insegna dell’amicizia e dell’interscambio”. Il senatore più noto di Forza Italia, ha deciso di lavorare anche durante le vacanze. Razzi è ripartito dalla Corea del Nord prima che il dittatore coreano, Kim Jong-un, testasse nuovamente un ordigno nucleare la cui esplosione ha provocato un terremoto, anche politico.  Secondo Razzi, il dittatore coreano non “farebbe altro che difendersi”. Anzi, il senatore sdrammatizza e nella nostra intervista dice: “Forse Kim Jong-un ha fatto esplodere l’atomica per festeggiare la nostra partenza!” Ha riferito, poi, di aver chiesto direttamente al braccio destro del dittatore coreano, un incontro con Kim Jong-un.

Guarda, di seguito, l’intervista al senatore Razzi 

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Il racconto di Razzi di ritorno da Corea e Mongolia (Video)"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*