Rapina a portavalori A14: UGL chiede più sicurezza

L’UGL Sicurezza Civile Abruzzo si dice solidale con i colleghi che hanno subito la rapina questa mattina sull’autostrada A14.

Il segretario, Fabio Urbini, in una nota, richiama le autorità ad effettuare i controlli del caso affinché “si verifichi che i mezzi utilizzati per il servizio fossero muniti degli elementari mezzi di sicurezza passivi e attivi”.

“Più di una volta infatti – prosegue Fabio Urbini – ci sono capitate segnalazioni (regolarmente rigirate alle autorità) in cui molti lavoratori parlano della mancanza di barre anti taglio sui mezzi, mancanza di “spumablock” e sopratutto vengono segnalati mezzi inadeguati e vecchi per il servizio di trasporto valori. Contestualmente si richiede ai Prefetti della regione di effettuare un tavolo unico con le aziende e i sindacati per delineare procedure e linee guida atte a tutelare i lavoratori del settore che sono sempre più abbandonati a se stessi – conclude il segretario regionale – a favore dei guadagni delle aziende.”

Tutto sulla rapina in A14, aggiornamenti qui

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Rapina a portavalori A14: UGL chiede più sicurezza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*