Pescara: evade per andare al Bingo, condanna confermata

bingo1111

Cassazione: evade per andare al Bingo, condanna senza sconti per un 50 enne di Pescara che era ai domiciliari con permesso solo per lavorare.

Confermata dalla Cassazione, che ha negato la concessione delle circostanze attenuanti, la condanna per evasione dagli arresti domiciliari nei confronti di un cinquantenne di Pescara, sorpreso alle due del pomeriggio a giocare in una sala Bingo, mentre scontava una precedente condanna con il permesso di uscire di casa dal martedì al sabato dalle otto del mattino alle sette e mezza di sera “esclusivamente per lo svolgimento di attività lavorativa”. Non è nota l’entità della pena ma l’uomo è stato anche condannato a pagare 1500 euro alla Cassa delle ammende perché il suo ricorso è stato dichiarato “inammissibile”. Biagio G., invece di usare il permesso solo per andare al lavoro, non aveva resistito al richiamo della sala giochi e inutilmente ha chiesto alla Suprema Corte di non considerare reato il suo comportamento dal momento che l’allontanamento dai luoghi ‘consentiti’ era stato inferiore alle dodici ore. Gli ‘ermellini’ – sentenza 28766 depositata oggi – gli hanno replicato che “è pacifico” che il suo comportamento “integra il reato di evasione” in quanto ha violato le prescrizioni degli arresti domiciliari, e hanno confermato il ‘no’ alle attenuanti generiche come stabilito dalla Corte di Appello di Perugia il 18 ottobre 2013.

Sii il primo a commentare su "Pescara: evade per andare al Bingo, condanna confermata"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*