Pescara: dal carcere al podio, il riscatto del pugile campione

pugile

Dal carcere al podio, il riscatto del giovane pugile di Pescara, Nicola Di Rocco, campione italiano categoria pesi mediomassimi.

Una bella storia di riscatto e di speranza quella di Nicola Di Rocco, 26 anni, nuovo campione italiano pesi mediomassimi. Pescarese di nascita, montesilvanese di adozione, l’atleta ha vinto la medaglia d’oro alla 93esima edizione dei campionati assoluti di élite maschili di pugilato, che si è svolta martedì scorso a Roseto. Una vittoria anche nella vita quella di Nicola Di Rocco: ex detenuto, ha intrapreso un percorso di riscatto partecipando a un progetto di giustizia riparativa che prevede l’inserimento nel mondo del lavoro dei detenuti e il recupero del patrimonio ambientale, grazie a una convenzione sottoscritta tra Comune di Montesilvano e carcere di Pescara. Di Rocco ha curato la manutenzione del verde a Montesilvano Colle affiancato dal consigliere comunale Danilo Palumbo, in qualità anche di agente penitenziario. Il giovane ha ripreso gli allenamenti con la Pugilistica Di Giacomo, preparandosi con passione, impegno e costanza per la competizione sportiva che lo ha decretato campione d’Italia nella sua categoria. Un vero e proprio amore per il pugilato, quello di Nicola Di Rocco, da quando era ragazzino e una prova di coraggio e di riscatto per lui, buttandosi alle spalle un’altra vita, fatta di illegalità, e abbracciando la propria passione, il pugilato, con un sogno che si realizza.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Pescara: dal carcere al podio, il riscatto del pugile campione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*