Pedaggi autostradali: lunedì consiglio provinciale ad hoc

telepass-casello

Una scelta che lede il diritto costituzionale alla “libera circolazione”, un colpo al cuore economico del territorio della provincia dell’Aquila, ancora coinvolta in una crisi che penalizza attività commerciali, industriali, consumi.

Dura la posizione del presidente della Provincia Antonio De Crescentiis sull’aumento dei pedaggi autostradali, voluti dalla società concessionaria dell’Autostrada A24 e A25 e concessi dal governo a partire dal 1° gennaio di quest’anno.

Antonio De Crescentiis

La voce del presidente della Provincia De Crescentiis si aggiunge al coro di no intorno a una scelta ritenuta da più fronti “scellerata” e “ingiusta”, ultima in ordine d tempo quella del segretario regionale dell’Italia dei valori, Lelio de Santis, che addita soprattutto la politica, rimasta inerte e in totale silenzio: dalla Regione, con il presidente Luciano D’Alfonso, ai sindaci delle principali città abruzzesi, fra cui anche quello dell’Aquila Massimo Cialente.

Intanto, prima del consiglio provinciale di lunedì in cui saranno decise le azioni da intraprendere, verranno coinvolti i parlamentari abruzzesi.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Pedaggi autostradali: lunedì consiglio provinciale ad hoc"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*