Migranti: sindaco San Salvo e altri primi cittadini dicono no

sansalvo-no-immigrati11

Migranti, il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca: “Governo sordo a richieste comunità” e ieri la
protesta con altri primi cittadini contro nuovi arrivi. “Progetto fuori da ogni controllo”, dicono.

“Protesta civile per la difesa dei diritti dei cittadini e delle imprese contro un governo sordo alle richieste della comunità e cieco rispetto alla realtà”. Il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca nel corso di una conferenza stampa, alla quale hanno partecipato diversi sindaci del territorio, imprenditori e commercianti, ha spiegato le sue ragioni contro l’arrivo di nuovi migranti; l’iniziativa è stata organizzata davanti alla struttura che li dovrà accogliere in un ex albergo nella zona industriale di San Salvo.

“Nessuna forma di razzismo – è stato puntualizzato – ma la consapevolezza che chi fugge dall’Africa non può essere aiutato con la semplice ospitalità e che questo fenomeno sta oramai esplodendo con possibili forti tensioni sociali. Il progetto ospitalità attuato dal governo nazionale – ha dichiarato il sindaco Magnacca – è fuori da ogni controllo. Non è più un’emergenza, ma è diventato un fenomeno strutturale. Quella di questa mattina non è una protesta contro queste persone che meritano tutto il nostro rispetto, ma dobbiamo far capire che non basta partire dai loro paesi per essere accolti e poi cosa accade gli troviamo anche il lavoro, che non possiamo assicurare nemmeno ai nostri concittadini?”.

Per il sindaco di San Salvo – al suo fianco in fascia tricolore gli amministratori comunali di Cupello, Castiglione Messer Marino, Monteodorisio, Casalanguida, Casalbordino e Villafonsina – si tratta di migranti economici: “per quanto tempo ancora – ha detto – dobbiamo pagare le tasse per questo che è diventato un costo sociale elevato e non più sostenibile?”. Magnacca ha ribadito di non essere contro i migranti né contro il Prefetto di Chieti, Antonio Corona, “che fa solo il suo dovere di uomo dello Stato”, ma “siamo contro il governo che consente di ospitare persone che poi ciondolano per intere giornate nelle nostre città.”

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

1 Commento su "Migranti: sindaco San Salvo e altri primi cittadini dicono no"

  1. david celiborti | 16/07/2017 di 11:11 | Rispondi

    Adesso proprio basta! Non se ne può più ogni giorno ne arrivano tremila! E’ diventata per questi catramati clandestini africani una gita perenne permessa da quattro schifosi politici PD al governo! E’ ora di finirla! Fanno bene i sindaci a bloccarli e cacciare quelli accolti! Tutti fuori! Devono cominciarli a cacciare tutti! Dopo si procederà a cacciare quegli ignobili individui che ci governano bugiardi e irresponsabili! Questi stessi che ci amministrano ci hanno fatto deridere da tutto il mondo per questa falsa ed accogliente solidarietà! Spero che il popolo recepisca quanto danno stanno facendo all’Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*