Regionali, Legnini: “La politica riparte dai giovani e dalle donne”

pd-legnini1

Donne e giovani fanno la parte del leone tra i 232 candidati delle 8 liste in coalizione, la politica riparte da loro, così il candidato presidente Giovanni Legnini.

Un laboratorio a cui anche altre regioni guardano: è stato detto nel corso della presentazione delle liste PD, al Museo delle Genti di Pescara, con gli esponenti del Partito Democratico che hanno appoggiato il nuovo progetto del candidato presidente, Giovanni Legnini. Un progetto aperto alla società civile per “fare” insieme politica e un nuovo Abruzzo. In un tempo in cui ci si allontana dalla politica per delusione o disillusione, Legnini tiene a precisare che nelle 8 liste e tra i 232 candidati che lo appoggiano 102 sono donne pari al 44%, 8 sono i 20 enni, 26 sono i 30 enni  e 66 sono i 40 enni, pari al 43% del totale. I partiti politici, ha aggiunto Legnini, devono mettersi a disposizione dei professionisti della società civile che, magari, per la prima volta hanno deciso di fare politica. Punti fermi del programma della coalizione delle 8 liste, tra gli altri: il lavoro, la ricostruzione nei due crateri sismici, la sanità per tutti, l’ambiente, la sostenibilità e una Istituzione forte e autorevole con una riforma incisiva dell’istituzione regionale e della sua macchina amministrativa. La scommessa di Legnini è proprio questa, avvicinare la gente alla politica e alla cosa pubblica con una squadra di donne e uomini di ogni estrazione culturale, territoriale e sociale, mettendo a disposizione tempo ed entusiasmo. Intanto proprio oggi, Legnini, ha rilasciato una lunga intervista, su temi locali e nazionali e sulle motivazioni che lo hanno portato, dopo il suo ruolo da vice presidente del Csm, a scendere in campo e in politica per la sua regione, al quotidiano www.huffingtonpost.it. Una intervista a tutto campo in cui Legnini presenta il suo progetto e il suo “Abruzzo Civico”.

Il servizio del Tg8

Sii il primo a commentare su "Regionali, Legnini: “La politica riparte dai giovani e dalle donne”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*