L’Aquila: promotore finanziario suicida, indagini

Carabinieri

Sulla morte del promotore finanziario di 51 anni, originario di Avezzano ma residente a L’Aquila, sono in corso indagini dei Carabinieri. Per i più si tratta di un suicidio inaspettato e una vicenda da chiarire.

Stefano Di Giacomo è stato trovato l’altro ieri, negli uffici della Fineco, a Bazzano. L’uomo si è impiccato nella sua stanza. Un suicidio definito inaspettato e sospetto, secondo i familiari, visto che il 51 enne, promotore finanziario, non avrebbe manifestato disagi, paure o angosce. Per questo i Carabinieri vogliono far luce su alcuni punti definiti oscuri e magari cercare il movente, la causa del gesto e comunque di tutta la tragica vicenda. Di Giacomo era apprezzato e stimato per il suo lavoro, prima ad Avezzano, poi a L’Aquila. L’uomo era scomparso da giovedì dopo un viaggio di lavoro in nord Italia. La compagna con la quale viveva ha lanciato l’allarme con il fratello dell’uomo che lascia due figli avuti dalla sua ex moglie.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila: promotore finanziario suicida, indagini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*