Incendio Morrone: fuoco allenta ma emergenza alta

morrone-incendio1

Dopo 12 giorni di altissima emergenza, sul monte Morrone il fuoco sembra dare tregua all’avanzata delle fiamme verso valle. Da questa mattina il fronte dell’incendio si è fermato risalendo lentamente verso la montagna. Ma l’emergenza e l’allerta restano alte.

Stamani la riunione al Centro operativo misto (Com) di Sulmona presieduta dal presidente della Regione Luciano D’Alfonso alla presenza di tutte le forze impegnate nello spegnimento e dei sindaci dei territori interessati dagli incendi. Restano due le priorità d’intervento: il fronte del Morrone nella zona tra Bagnaturo e Roccacasale e quella del Parco del Sirente con i Comuni di Secinaro e Goriano Valli da questa mattina inclusi nel Com insieme a Castelvecchio Subequo e Gagliano Aterno e Molina.
In azione a Sulmona l’elicottero Erickson e due Canadair con il supporto di elicotteri dei vigili del fuoco mentre un terzo Canadair sta lavorando sul rogo di Secinaro. Ma il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, va cauta memore degli ultimi giorni quando, una volta spenti alcuni focolai, le mani dei piromani hanno piazzato inneschi in altri posti. Il primo cittadino sollecita la Regione affinché sia dichiarato lo stato di emergenza. Anche il National Geographic parla di disastro ambientale.

Intanto dopo rogo Maiella, sindaco Sulmona vieta falò all’aperto

Vietato accendere fuochi di ogni genere in qualsiasi luogo all’aperto. Lo prevede l’ordinanza firmata dal sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, che proibisce anche ieri l’ordinanza che impone il divieto, fino a provvedimento di revoca, anche di lancio e sparo dei fuochi d’artificio, mortaretti, petardi, razzi e altri fuochi pirotecnici. Vietato, inoltre, tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate, gettare materiali che possano generare fuochi, quali mozziconi, carboni, fiammiferi, sigari o sigarette accese e compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo immediato o mediato di incendio, lanciare razzi di libera vendita di categoria consentita dalla legge, abbandonare rifiuti. Si tratta di “misure cautelative atte alla tutela della pubblica incolumità del territorio”, adottate in conseguenza dell’incendio che ha bruciato per sette giorni i boschi attorno al paese. Il sindaco comunica inoltre che e’ stata realizzata e conclusa, a titolo precauzionale, la linea tagliafuoco che parte dalla zona della chiesa Madonna degli Angeli in direzione Ovest, con l’intenzione di proseguire, poi, anche verso est, fino all’area frazione Marane.

Intanto alcuni comuni dell’Aquilano colpiti dagli incendi cercano volontar

 

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Incendio Morrone: fuoco allenta ma emergenza alta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*