In Abruzzo i rifiuti diventano arte

rifiuti-arte1

In Abruzzo i rifiuti diventano arte, grazie a un progetto di Regione Abruzzo e Arco Consumatori: opere collocate nelle vie e nelle piazze delle città per sensibilizzare al riciclo.

Un progetto ambizioso e originale: trasformare i rifiuti in arte. A portarlo avanti la Regione Abruzzo  e l’Arco Consumatori che già ha realizzato le prime opere con materiale di scarto e di riciclo. Le opere saranno esposte dapprima in una mostra e poi collocate nelle vie e nelle piazze di città e  paesi della nostra regione, proprio per sensibilizzare i cittadini al riutilizzo dei materiali di scarto e al riciclo. E’ stato sottoscritto un Protocollo di Intesa tra Regione Abruzzo ed Arco Consumatori dal tema: “I rifiuti si fanno arte: Turismo – Rifiuti – Risorsa”. Presenti, tra gli altri, il Sottosegretario alla Giunta Regionale Mario Mazzocca, il Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti Regione Abruzzo Franco Gerardini e il Presidente di Arco Consumatori Franco Venni.

Il protocollo d’intesa si propone questi obiettivi:

a. dare attuazione ad un progetto sperimentale denominato “I rifiuti si fanno arte: Turismo – Rifiuti – Risorsa”, per la realizzazione di un laboratorio sperimentale e di attività per riduzione della produzione di rifiuti e valorizzazione dei rifiuti anche a fini turistici ed artistici, coerente con gli indirizzi di cui alla legge 28/12/2015, n. 221, alla DGR n. 1012 del 29.10.2008 ed allaDGR n. 116 del 16/02/2016;

b. attuare un’iniziativa sperimentale di “comunicazione ambientale”, finalizzata alla sensibilizzazione degli operatori turistici, degli ospiti e dell’opinione pubblica sui temi della riduzione e valorizzazione dei rifiuti;

c. favorire la raccolta differenziata nelle strutture turistiche (es. villaggi turistici, campeggi, .. etc.), incrementare la quantità dei materiali da avviare a riciclo e promuovere politiche dei consumi più sostenibili;
d. promuovere attività di “compostaggio di comunità” nell’ambito delle strutture turistiche operanti nel territorio regionale nonché in aree naturali protette (es. Parchi, Oasi e Riserve, .. etc.);

e. favorire un percorso di formazione per gli operatori del settore turismo sui temi della corretta gestione dei rifiuti e sui temi dell’economia circolare;

f. promuovere lo scambio di esperienze e di buone pratiche ambientali;

g. ridurre la produzione dei rifiuti attraverso l’arte, le nuove tecnologie e le buone pratiche ambientali;

h. sviluppare eventi denominati: “ecofeste” in materia di attività ricreative popolari da organizzare secondo criteri di sostenibilità ambientale.

La sperimentazione prevede il coinvolgimento di Enti e strutture turistiche della Regione Abruzzo, saranno coinvolti, attraverso la collaborazione operativa di Arco Consumatori definita dall’accordo volontario con la Regione Abruzzo, oltre a strutture turistiche regionali, individuate in collaborazione con il Settore regionale del Turismo, anche numerosi Enti impegnati a diffondere una cultura ambientale ed un turismo sostenibile nei territori interessati, tra cui: Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Ente Parco Nazionale della Majella, Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Dmc Hadriatica, Dmc Cuore dell’Appennino, Dmc Gran Sasso Laga — Cuore dell’Appennino, Dmc Marsica, Dmc Terre Del Piacere Scarl, Dmc AQ Abruzzo Qualità – L’Aquila Sirente-Velino Marsica, Dmc Gran Sasso D’Italia e Terre Vestine Soc. Cons., Federalberghi Abruzzo e Consorzio Abruzzotravelling.

Il servizio del Tg8

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "In Abruzzo i rifiuti diventano arte"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*