Expo: La Bolla del Perdono torna a L’Aquila

bolla-perdono1

“La Bolla del Perdono”, il grande dono di Celestino V alla città dell’Aquila, è tornata a casa, dopo essere stata ammirata all’Expo tra altri 100 capolavori italiani.

E’ il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, a darne notizia: questa mattina, la Bolla del Perdono, donata da Celestino V alla città, è tornata “a casa”.

“La signora Luana Masciovecchio – spiega Cialente – l’ha riposizionata nella sua casa provvisoria nel caveau della Scuola della Guardia di Finanza che dall’otto aprile del 2009, quando fu recuperata tra le macerie dai nostri operai commossi, la ospita. Torna dopo essere stata ammirata da milioni di persone, all’Expo, con altri 100 capolavori italiani, quelli che hanno segnato nel mondo il ruolo della penisola. L’abbiamo esposta con orgoglio e con gioia ne festeggiamo il ritorno. Ancora una volta ringrazio il Generale Michele Carbone, comandante della Scuola della Guardia di Finanza, che conferma sempre di più – conclude il primo cittadino – di essere un grande amico delle aquilane e degli aquilani.”

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Expo: La Bolla del Perdono torna a L’Aquila"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*