CRI Cepagatti, volontari del sisma in prima linea

Sono sempre in prima linea i volontari della CRI di Cepagatti: hanno prestato la loro opera anche nell’emergenza sisma del Lazio. La Croce Rossa ha gestito il Posto Medico Avanzato di Grisciano di Accumoli.

Ora, visto il trasferimento degli abitanti di Grisciano in strutture più idonee, il Posto Medico Avanzato gestito dal Comitato di Cepagatti della Croce Rossa Italiana ha chiuso i battenti. Dopo 19 giorni di attività ininterrotta è cessata la necessità legata alla fase più emergenziale del sisma. Il PMA-Posto Medico Avanzato affidato al Comitato di Cepagatti della Croce Rossa Italiana (presieduto da Constantino Camblor) ha ultimato ieri, domenica 11 settembre, le sue attività. Dopo una riunione del COC (Centro Operativo Comunale) di Accumoli e visto l’avvio del trasferimento delle circa 100 persone, il campo attivato la sera del 24 agosto è stato smantellato. I cittadini che vi avevano trovato rifugio sono stati portati in strutture temporanee più idonee per affrontare il freddo incombente. Nei 19 giorni di attività il campo ha fornito più di 330 prestazioni, sia ai residenti che al personale volontario e non. Sono state anche effettuate visite “a domicilio” e interventi di assistenza con l’Elisoccorso. Sono stati 250 i turni effettuati dagli oltre 40 volontari della CRI, tra cui medici ed infermieri professionali. Poco dopo la prima scossa, intorno alle 4 del mattino, a Cepagatti è stata aperta la Sala Operativa Locale del Comitato di Cepagatti e sono state avviate le procedure di allerta. I volontari sono stati immediatamente allertati con questa comunicazione: “Pronti a partire e convergere sul Magazzino di Protezione Civile del Comitato”, mentre i volontari disponibili già dalle 5.30 controllavano i materiali ed i mezzi necessari. Nella tarda mattinata, appena la Regione Abruzzo ha avanzato la richiesta di un PMA-Posto Medico Avanzato, necessario alla Colonna mobile regionale, il comitato CRI di Cepagatti si è messo in viaggio per il cratere. Tutte le attività sono state gestite dalla Sala Operativa Locale che ha coordinato e raccolto giornalmente le necessità degli sfollati. Oltre ai compiti assegnati di gestione del PMA, i volontari abruzzesi si sono attivati subito per migliorare le condizioni della popolazione. Il comitato CRI di Cepagatti ha avviato subito un intervento psico-sociale rivolto prevalentemente ai bambini. Dopo pochi giorni è stata installato una struttura dedicata ad Henry Dunant, fondatore della Croce Rossa, chiamata “L’angolo di Henry”, consistente in una ludoteca dedicata ai bambini di Grisciano.

per-comunicato_eper-comunicato_aper-comunicato_e_2

per-comunicato_hper-comunicato_g

 

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "CRI Cepagatti, volontari del sisma in prima linea"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*