S.Egidio: paga con assegno di cui denuncia la perdita, a processo

vasto-romeni-arrestati-per-furto-di-alimenticarabinieri_112

Paga con un assegno di cui denuncia la perdita, a processo: a processo il titolare di un mobilificio di Sant’Egidio alla Vibrata per calunnia e truffa.

Aveva acquistato dei mobili da un fornitore con un assegno postdatato garantendone la pronta copertura, salvo poi denunciare lo smarrimento di quello stesso assegno ai Carabinieri e incolpare, indirettamente, l’ignaro fornitore di ricettazione ed uso di atto falso. Una vicenda che ha visto finire il titolare di un mobilificio di Sant’Egidio alla Vibrata a processo con le accuse di calunnia e truffa. A rinviarlo a giudizio, questa mattina, al termine dell’udienza preliminare, il gup Roberto Veneziano. I fatti contestati all’uomo risalgono all’estate del 2012 quando a fronte dell’acquisto di alcuni mobili avrebbe consegnato al fornitore un assegno post datato di circa un mese del valore di circa 6 mila euro. Assegno di cui qualche giorno dopo aveva denunciato lo smarrimento presso il comando stazione dei Carabinieri di Tortoreto. Scoperto, l’uomo è stato denunciato.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "S.Egidio: paga con assegno di cui denuncia la perdita, a processo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*