L’Aquila, maltempo: danni a duemila imprenditori agricoli

Vigneti e uliveti danneggiati in piena infiorescenza, coltivazioni di ortaggi e grano compromesse, frutteti colpiti duramente.

Il maltempo arrivato nell’Aquilano il 25 aprile ha lasciato dietro di sé conseguenze negative purtroppo definitive per l’agricoltura dalla Valle Peligna, della Valle del Tirino e della Valle dell’Aterno (un po’ meno colpita la Marsica).

Cinque gradi sotto lo zero nella notte tra il 25 e il 26 che ha gelato irreparabilmente i frutti della stagione, un colpo di grazia per un comparto già in sofferenza per la crisi economica. A lanciare l’allarme il direttore della Coldiretti dell’Aquila, Massimiliano Volpone, che proprio questa mattina ha incontrato a Capestrano gli assessori regionali Dino Pepe e Andrea Gerosolimo e il consigliere Lorenzo Berardinetti per valutare la strada da intraprendere per aiutare i coltivatori. Una folta rappresentanza di circa 50 di loro ha partecipato all’incontro, al vaglio anche la possibilità di chiedere lo stato di calamità naturale.

Sono circa duemila i piccoli e grandi produttori agricoli colpiti dal gelo straordinario, e ai quali non resta da fare altro che rassegnarsi di avere perso, quest’anno, tutto il frutto del loro lavoro.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, maltempo: danni a duemila imprenditori agricoli"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*