Una fiaccolata al mese per il rom ucciso a Montesilvano

Sono pronti a fare una fiaccolata al mese se l’altro presunto assassino di Antonio Bevilacqua non finirà in cella i familiari del giovane rom ucciso in un pub di Montesilvano.

A chiedere giustizia e ad invocare l’arresto anche di Nunzio Mancinelli, presunto complice di Massimo Fantauzzi, reo confesso e già in carcere, è Gabriella Silveri, compagna della vittima e madre della loro bimba di nove mesi. La 21enne ha dichiarato al quotidiano Il Centro che amici e parenti sono pronti ad organizzare una fiaccolata al mese e ogni altro tipo di manifestazione pacifica che serva a tenere desta l’attenzione sul caso. La giovane donna si chiede perché l’amico di Fantauzzi (che si dichiara estraneo ai fatti) sia ancora in libertà e perché lo stesso Fantauzzi non sia stato ancora interrogato. Gabriella Silveri parla anche di razzismo e si dice certa che se fosse stato l’inverso, un cittadino qualunque ucciso da un rom, le cose sarebbero andate diversamente e gli assassini sarebbero stati tutti assicurati alla giustizia.

(Nella foto: la vittima Antonio Bevilacqua)

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Una fiaccolata al mese per il rom ucciso a Montesilvano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*