Chieti, discarica abbandonata, per Casapound: “Immobilismo criminale”

Discarica abbandonata, per Casapound si tratta di: “Immobilismo criminale.” A Chieti 3 anni fa, l’incendio a Colle S. Antonio, “residenti esasperati”.

“A oltre tre anni dall’incendio doloso che la notte del 27 giugno 2015 distrusse migliaia di tonnellate di rifiuti speciali e tossici nessun intervento di bonifica è stato attuato nella discarica abusiva di Colle Sant’Antonio, alle porte di Chieti”, lo hanno detto gli attivisti di CasaPound, esponendo uno striscione e depositando due sacchi neri davanti alla sede del Comune per denunciare “un immobilismo criminale e irresponsabile”.

“Continuiamo e continueremo a portare di fronte e, se necessario, all’interno dei palazzi delle istituzioni il grave problema ecologico che riguarda la zona di Colle Sant’Antonio – dice Francesco Lapenna, responsabile di CasaPound Italia per la Città di Chieti – È intollerabile che Comune, Regione e Arta continuino nel rimpallo di responsabilità, abbandonando una bomba ecologica. I residenti, a differenza delle istituzioni comunali, sono arrivati al limite della sopportazione. Pretendiamo che i tre enti interessati trovino un accordo per intervenire tempestivamente: in caso contrario siamo pronti a dare battaglia insieme ai residenti di Colle Sant’Antonio, portando i problemi dei cittadini direttamente dentro gli uffici di Comune, Regione e Arta finché non si troverà una soluzione dignitosa e definitiva alla questione”.

Sii il primo a commentare su "Chieti, discarica abbandonata, per Casapound: “Immobilismo criminale”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*