Chieti: truffa a Inail su infortunio, 68 enne a giudizio

tribunalechieti

Un 68 enne di Casalincontrada è stato rinviato a giudizio dal Gup del Tribunale di Chieti con l’accusa di aver truffato l’Inail in conseguenza a un infortunio.

Ha simulato la totale incapacità di deambulare come conseguenza permanente di un infortunio avvenuto nel settembre del 1991 percependo indebitamente la pensione di invalidità dell’Inps per anni: con l’accusa di truffa aggravata continuata il gup del Tribunale di Chieti Luca De Ninis ha rinviato a giudizio un 68 enne di Casalincontrada. La prima udienza del processo si terrà il 2 marzo 2017. Secondo l’accusa l’uomo ha simulato la totale incapacità di deambulare come conseguenza permanente di un infortunio avvenuto nel settembre del 1991 mentre si recava in auto al lavoro. In tal modo avrebbe indotto il medico dell’Inail a stilare una diagnosi di fratture vertebrali multiple con conseguente incapacità di mantenere la stazione eretta mentre in realtà, sostiene sempre l’accusa, era pienamente capace non solo di deambulare in piena autonomia ma anche di compiere lavori con attrezzi da muratore. L’uomo ha così percepito indebitamente la pensione di invalidità dall’Inps, oltre a complessivi 562 mila euro da parte dell’Inail per l’assegno di accompagnamento e ulteriori 73.560 euro a titolo di pagamento di presidi per lo stato di invalidità. L’indagine è partita dalla denuncia di un vicino di casa dell’uomo.

Sii il primo a commentare su "Chieti: truffa a Inail su infortunio, 68 enne a giudizio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*