Guardiagrele: giù calcinacci, campane suonano lo stesso

calcinacci-guardiagrele-duomo1

Non bastava il suono troppo forte, secondo i più, delle campane: ora dal campanile di Santa Maria Maggiore, a Guardiagrele, piovono anche calcinacci.

Nuovo capitolo di un’altra vicenda che riguarda sempre Santa Maria Maggiore, cioè quella delle campane che non abbassano il volume, in una polemica che impazza da anni. Oggi è stata transennata parte della Collegiata di Santa Maria Maggiore, a Guardiagrele, perché piovono calcinacci dal campanile. Ma i detrattori del volume troppo alto delle campane del duomo, non possono cantare (a bassa voce, s’intende…) vittoria, perché le campane in questione, oggi, nonostante tutto, suonano lo stesso. Una polemica, quella del volume troppo alto delle campane del duomo, e lo ha stabilito anche l’ARTA, che va avanti dai tempi in cui in piazza si facevano ancora i comizi (specie quelli di sinistra), interrotti per minuti e minuti dal “guareschiano” scampanìo della torre di Santa Maria Maggiore. Impossibile sentire, tantomeno parlare, secondo chi del suono troppo forte delle campane non ce la fa più. Insomma, Guardiagrele si spacca a metà, tra quelli che reputano il suono delle campane come momento di festa e coloro che invece non lo sopportano proprio. Che i calcinacci piovuti giù siano un segno… per “abbassare” i toni, più che delle campane, delle polemiche?

(Sotto il campanile della Collegiata di Santa Maria Maggiore a Guardiagrele)

campane-santa-maria-maggiore-guardiagrele1

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Guardiagrele: giù calcinacci, campane suonano lo stesso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*