Teramo, la Veco di nuovo in piazza

dipendenti-veco-rete8Dipendenti veco

Teramo, la Veco di nuovo in piazza. I dipendenti della storica fonderia di Martinsicuro di nuovo impegnati in un presidio di lotta, in contemporanea con l’incontro in corso alla Prefettura di Teramo.

Alla riunione dovrebbero essere presenti i rappresentanti sindacali, il Prefetto, i vertici aziendali e il sindaco di Martinsicuro Paolo Camaioni, oltre ai rappresentanti dell’Arta, di Confindustria e della Regione Abruzzo, con il vicepresidente Giovanni Lolli. Oggetto dell’incontro è il reiterato rinvio della conferenza di servizi per il rinnovo dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia). La situazione è sempre più ingestibile, le continue diffide e le pastoie burocratiche rischiano di portare alla chiusura un’azienda che occupa 75 dipendenti.

“Il Tar Abruzzo si è espresso in questi giorni imponendo agli enti preposti la convocazione entro 5 giorni della conferenza di servizi dell’Aia – spiega Giampiero Dozzi della Fiom Cgil – e speriamo che adesso qualcosa si muova. La situazione è insostenibile. A giugno, in seguito ad una diffida, l’azienda si è trovata a dover bloccare l’attività. Poi c’è stata la sospensione della diffida per 90 giorni – continua Dozzi – ma a settembre nuovo stop. Restava un’attività residuale per tenere in sicurezza i forni, mentre adesso è tutto fermo. Fino ad oggi la ditta ha assicurato gli stipendi ma ora è in sofferenza. Abbiamo bisogno di capire come si sblocca la situazione”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Teramo, la Veco di nuovo in piazza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*