Pizzoferrato, in aula le fogne di Valle del Sole

valle-sole-pizzoferrato

Pizzoferrato, in aula le fogne di Valle del Sole. Consiglio comunale straordinario oggi a Pizzoferrato: all’attenzione dell’aula il sequestro delle fogne del villaggio turistico Valle del Sole, circa 1.700 appartamenti.

Il sindaco di Pizzoferrato, Palmerino Fagnilli, ha convocato l’assise anche per dare risposte alla minoranza. Il sequestro della Procura di Lanciano è stato disposto perché da sempre le fogne scaricavano abusivamente nel Parco nazionale della Majella.

“E’ innegabile – ha detto nel suo intervento il primo cittadino di Pizzoferrato – che è necessario risolvere una serie di gravissime e ataviche problematiche, perché solo dalla chiarezza e dalla presa di coscienza è possibile ridisegnare un futuro della Valle e dunque di Pizzoferrato. Questa amministrazione è stata quella che ha deciso di affrontare queste problematiche e non ha nascosto la testa sotto la sabbia, che ha deciso di fare chiarezza e di dare informazioni. Oggi si sta tentando di fare politica sulla pelle degli abitanti di Valle del Sole, ma io non lo consentirò. Vi è stata una colpevole inerzia dell’amministrazione che ha governato durante il primo sequestro, ma non vi sarà da parte di questa amministrazione. Se le fogne sono state oggetto nuovamente di sequestro è solo ed esclusivamente responsabilità di chi cinque anni fa non si è preoccupato di dare alcuna soluzione al problema, né soluzione consorzio, né soluzione Sasi, né altra soluzione”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pizzoferrato, in aula le fogne di Valle del Sole"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*