Pescara e Francavilla città senza botti

Anche Pescara e Francavilla si confermano città senza botti e petardi, vietati dalla Vigilia alla Befana.

Dopo Chieti e Montesilvano, altre amministrazioni comunali stanno emanando le ordinanze per vietare botti e petardi durante le feste natalizie. Oggi, 22 dicembre, il sindaco di Francavilla al Mare, Antonio Luciani, ha firmato l’ordinanza che vieta gli spari dal 24 dicembre al 7 gennaio. Il documento, pubblicato integralmente sul sito del Comune, dispone il divieto di accendere fuochi d’artificio, sparare petardi ed utilizzare altri manufatti pirotecnici durante le festività natalizie. Il periodo è quello compreso tra le ore 19 del 24 dicembre 2016 e la mezzanotte del 7 gennaio 2017. La ratio del provvedimento tiene conto sia la pericolosità dei fuochi d’artificio, se non accesi da mani esperte, sia il fatto che giochi pirici e scoppi di petardi possono determinare conseguenze negative anche per gli animali domestici. Il fragore dei botti, oltre a provocare evidenti reazioni di spavento, li porta spesso a perdere l’orientamento, col rischio che si perdano o che finiscano sotto una macchina. L ‘inosservanza dell’ordinanza (che porta il numero 33 del 2016), è punita la sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell’art. 7 del D. Lvo 18.08.2000 n. 267 (da € 50,00 a € 500,00) fatta salva, ove il fatto assuma rilievo penale, la denuncia all’Autorità Giudiziaria.

Sii il primo a commentare su "Pescara e Francavilla città senza botti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*