L’Aquila, maxi inchiesta sui furbetti della ricostruzione

FILE - In this April 7, 2009 file photo a man sits on rubbles in the village of Onna, a day after a powerful earthquake struck the Abruzzo region in central Italy. An Italian court Monday, Oct. 22, 2012 has convicted seven scientists and experts of manslaughter for failing to adequately warn citizens before an earthquake struck central Italy in 2009, killing more than 300 people. The court in L'Aquila Monday evening handed down the convictions and six-year-prison sentences to the defendants, members of a national "Great Risks Commission." In Italy, convictions aren't definitive until after at least one level of appeals, so it is unlikely any of the defendants would face jail immediately. Scientists worldwide had decried the trial as ridiculous, contending that science has no way to predict quakes. (AP Photo/Alessandra Tarantino, File)

Sequestri per diversi milioni di euro e decine di persone iscritte nel registro degli indagati: a L’Aquila la maxi inchiesta sui furbetti della ricostruzione ha numeri esorbitanti.

A più di sette anni dal terremoto del 2009 si tirano le somme della maxi inchiesta della procura della Repubblica dell’Aquila sui “furbetti” della ricostruzione, persone sospettate di aver compiuto degli illeciti per ottenere contributi per il recupero degli immobili danneggiati. I casi individuati sarebbero una cinquantina; le indagini riguardano sia i proprietari di immobili beneficiari dei contributi, sia i tecnici che hanno istruito le pratiche. L’inchiesta, coordinata dai sostituti procuratori Simonetta Ciccarelli e Fabio Picuti, entrerà nel vivo nelle prossime settimane. Finora sono stati effettuati quattro sequestri per circa 1 milione di euro, l’equivalente della somma erogata finora sulla base di “false certificazioni”, con complessivi cinque indagati. Su questo punto a condurre le indagini è stato il Corpo Forestale dello Stato, mentre la Guardia di finanza che ha effettuato i sequestri. Le Fiamme Gialle, con il nucleo di polizia Tributaria del comando provinciale dell’Aquila, hanno condotto la parte più cospicua. Il metodo investigativo, collaudato, è basato sull’incrocio dei dati tra la residenza formale di chi riceve contributi e la dimora abituale. Gli investigatori, secondo un modo di procedere definito “progetto pilota”, hanno scandagliato complessivamente circa 20.000 pratiche. Le statistiche sono state desunte dalla consultazione delle banche dati dei vari uffici che operano sul territorio, in particolare gli uffici speciali per la ricostruzione dell’Aquila (Usra) e del “cratere” (Usrc), il Comune capoluogo e gli uffici dei Vigili del fuoco. Sarebbero emerse contraddittorietà nelle dichiarazioni rese dai cittadini in occasione delle richieste di indennizzo avanzate a vario titolo nei confronti del Comune: beni mobili danneggiati, contributo autonoma sistemazione, riparazione di immobile, richiesta recupero beni. Il monitoraggio è partito lo scorso anno su input dell’ex procuratore capo, Fausto Cardella, da alcuni mesi procuratore generale a Perugia. I primi sequestri sono stati disposti dai giudici per le indagini preliminari presso il tribunale dell’Aquila, Giuseppe Romano Gargarella e Guendalina Buccella, su istanza dei pm Ciccarelli e Picuti.

Il servizio del Tg8

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, maxi inchiesta sui furbetti della ricostruzione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*