Sisma Rieti, INGV: “Pronti ad altre scosse”

Nessuna rassicurazione, nessuna ipoteca su un futuro sismico che né l’uomo né l’esperto sono ancora in grado di prevedere: per il sismologo Andrea Tertulliani, dell’Ingv, nel reatino non si possono escludere nuove scosse, anche forti.

Potrebbero essere movimenti tellurici anche di intensità pari a quelli più forti registrati la notte scorsa e avvertiti in tutta l’Italia centrale e non solo. Dunque le dichiarazioni di oggi rivelano uno stile diverso e un atteggiamento più prudenziale rispetto alle famose “rassicurazioni” che portarono sotto accusa la Commissione Grandi Rischi e i maggiori esperti italiani all’epoca del terremoto aquilano del 2009. Infatti, in merito alle possibili repliche in arrivo, all’agenzia ANSA Tertulliani ha precisato:

“Un terremoto di magnitudo 6.0 si porta dietro una coda di repliche che saranno sicuramente numerose e tenderanno a diminuire di magnitudo però non si può escludere che ci possano essere scosse paragonabili a quella principale. Ogni sequenza ha un suo comportamento particolare però non possiamo escludere che finisca qui oppure che continui in altro modo. Dobbiamo solo monitorare l’andamento e i dati”.

Secondo il sismologo Alessandro Amato, sempre dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, “il terremoto di magnitudo 6 che ha colpito Rieti è circa 2-3 volte inferiore, in termini di energia liberata, a quello che ha colpito L’Aquila nel 2009, che era di magnitudo compresa tra 6.2 e 6.3”. Sempre all’agenzia Ansa Amato ha dichiarato:

“Bisogna valutare bene tutti i dati, ma si può dire che l’altra grande differenza con L’Aquila è che in quel caso il terremoto è avvenuto sotto una città di 70.000 abitanti, oggi è avvenuto in una zona un po’ meno abitata”.

Simile invece il meccanismo alla base dei due eventi:

“Entrambi i terremoti – ha spiegato l’esperto – sono stati causati dall’estensione dell’Appenino da Est verso Ovest. Il meccanismo è lo stesso anche alla base del terremoto che ha colpito Umbria e Marche nel 1997. Inoltre, sia il terremoto di oggi, sia quello che ha colpito L’Aquila nel 2009 sono entrambi molto superficiali, avvenuti a circa 7-8 chilometri di profondità”.

Nella fascia appenninica che comprende Umbria, Marche meridionali e Abruzzo la sismicità è frequenti e anche forte. Il sisma di queste ore non sarebbe in relazione alcuna con le scosse avvertite in Sicilia.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Sisma Rieti, INGV: “Pronti ad altre scosse”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*