Abruzzo: 4 Novembre Giorno dell’Unità Nazionale

Le celebrazioni del Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, nel Centenario della fine della Grande Guerra, hanno avuto inizio stamani a Roma, per poi proseguire nel corso della giornata al Sacrario di Redipuglia e a Trieste. Numerose le manifestazioni ufficiali anche in Abruzzo.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accompagnato dal Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta e dal Capo di Stato Maggiore, generale Claudio Graziano, ha deposto una corona d’alloro sulla Tomba del Milite Ignoto all’Altare della Patria, alla presenza delle alte cariche civili e militari. Subito dopo si è trasferito al Sacrario di Redipuglia per rendere omaggio ai caduti della Prima Guerra Mondiale.

“Nessuno Stato, da solo, può affrontare la nuova dimensione sempre più globale. Ne uscirebbe emarginato e perdente. Soprattutto i giovani lo hanno compreso”, afferma il presidente della Repubblica nel centenario della fine della Grande Guerra. E l’amor di Patria non coincide con l’estremismo nazionalista, spiega il presidente. A Trieste, il capo dello Stato ribadisce l’importanza della scelta europea, di pace e collaborazione, perché il nazionalismo aggressivo portò alla guerra. Il 4 novembre di cento anni fa entrava in vigore l’armistizio di Villa Giusti: la resa dell’Impero austroungarico e la vittoria dell’Italia nella Prima guerra mondiale”. Conte: grazie alle forze armate, rendono l’Italia grande.

L’intervento del Sindaco de L’Aquila, Pierluigi Biondi.

“La forza e l’orgoglio di un’intera nazione, il doloroso tributo di sangue pagato per l’unità di un Paese, l’eroismo di quanti si sacrificarono in nome di un ideale di patria che abbiamo ereditato e abbiamo il dovere di custodire e difendere. Nel giorno in cui l’Italia celebra la Festa dell’Unità nazionale e la Giornata delle Forze Armate, a cento anni esatti dalla vittoria nella Prima guerra mondiale, non ci fermiamo solamente per ricordare chi offrì la propria vita a garanzia della nostra libertà, ma avvertiamo il dovere di agire affinché quelle eroiche azioni non siano vanificate da un relativismo culturale ed etico che semplifica la storia e annebbia il ricordo. Il lungo e complesso percorso del Risorgimento trovava compimento con la vittoriosa battaglia di Vittorio Veneto, a coronamento di uno sforzo corale di cui sono stati protagonisti tutti gli Italiani, da quelli che combatterono e persero la vita nelle trincee, a quelli che sostennero i sacrifici nelle campagne, nelle fabbriche e nelle case, condividendo tutti lo stesso obiettivo. Un’impresa collettiva, la prima dall’Unità d’Italia, che coinvolse fra l’altro decine di migliaia di donne, chiamate a svolgere un ruolo di supplenza degli uomini partiti per il fronte e che da lì avviarono il loro lungo percorso di emancipazione.”

“Oltre seicentomila soldati persero la vita e oltre un milione rimasero mutilati o invalidi. A loro, a quanti hanno consumato la propria vita per questo Paese è dedicato il 4 novembre: non celebrazione della guerra, ma occasione per ricordare soprattutto ai giovani ciò che è stato fatto per garantire loro il bene più prezioso, la libertà. Tenere viva la memoria storica è compito della scuola, ma anche degli enti locali e delle istituzioni tutte cui spetta il compito di valorizzare ciò che è stato affinché divenga una risorsa per il futuro.” “Un secolo fa i ragazzi del ’99 (1899) servirono con coraggio e ardore la patria e contribuirono alla vittoria nella Grande Guerra. Oggi ai ragazzi nati nel 1999 spetta il compito altrettanto difficile di proiettare il Paese verso un futuro di pace e prosperità”. “I milioni di morti  e feriti non sono freddi numeri per statistiche nei libri, ma trasudano sofferenze e dolori inimmaginabili. È con il sangue degli Italiani che sono stati tracciati i confini dell’Italia così come la conosciamo oggi, in un’epoca di pace che non deve tuttavia far abbassare la guardia o far dimenticare quali siano le nostre radici”.

“Parlare di difesa della patria non può essere considerato il retaggio di anacronistici nazionalismi ottocenteschi ma l’esigenza di tutelare sempre il percorso che da quel 4 novembre di cento anni fa è stato compiuto dai nostri padri e dai nostri nonni. Essere patrioti vuol dire impegnarsi per salvaguardare la bellezza dei nostri territori, il diritto al lavoro, la diffusione della cultura e dei prodotti che orgogliosamente vengono esportati con il marchio made in Italy, simbolo di qualità e professionalità. Vivere in tempi di pace non vuol dire non avere battaglie da combattere”. Il 4 novembre 1918 aveva termine il 1° conflitto mondiale – la Grande Guerra – un evento che ha segnato in modo profondo e indelebile l’inizio del ’90​0 e che ha determinato radicali mutamenti politici e sociali. La data, che celebra la fine vittoriosa della guerra, commemora la firma dell’armistizio siglato a Villa Giusti​ (Padova) con l’Impero austro-ungarico ed è divenuta la giornata dedicata alle Forze Armate. In questa giornata si intende ricordare, in special modo, tutti coloro che, anche giovanissimi, hanno sacrificato il bene supremo della vita per un ideale di Patria e di attaccamento al dovere: valori immutati nel tempo, per i militari di allora e quelli di oggi.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo: 4 Novembre Giorno dell’Unità Nazionale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*