Pescara, parchi chiusi per le verifiche sugli alberi 

Il giorno dopo la tragedia sfiorata a Pescara, dove un grosso tronco è caduto su un’auto con a bordo una donna, rimasta seriamente ferita, il Comune torna a chiudere i parchi cittadini per le verifiche di sicurezza sulle alberature.

Facciamo che questo sia un post it, un doloroso post it che ricordi a tutti, amministratori e cittadini, come una remota possibilità possa trasformarsi in pericolo reale. Il promemoria, purtroppo, è come se lo avesse scritto la povera signora che, in una mattinata di tregenda, ha deciso di mangiarsi un panino al riparo, dentro la sua macchina, nella pausa pranzo tra un turno e l’altro nel supermercato in cui lavora, nei pressi di via Avezzano. ( Sfiorata la tragedia anche a Tortoreto). Certo la signora non immaginava che proprio quel riparo amico si sarebbe trasformato in trappola. Il vento che imperversava sulla città ha avuto la forza di staccare letteralmente un ramo – ma la parola non rende l’idea, è stato più che altro un tronco a sfondare l’abitacolo e ad abbattersi sulle gambe della signora, poi ricoverata in ospedale e sottoposta ad intervento chirurgico. Questa però è storia di ieri, quella di oggi deve ancora essere scritta, ecco allora a cosa possono servire i promemoria, per esempio a ripensare il sistema di manutenzione e monitoraggio del verde cittadino. E’ appunto per i controlli che, ancora una volta, oggi sono rimasti chiusi tutti i parchi di Pescara, appena riaperti dopo il nubifragio di qualche giorno fa. Riaperti, invece, i cimiteri.

IL SERVIZIO DEL TG8:

AGGIORNAMENTO ORE 19:

Danni del maltempo al verde: riaprono i parchi tranne il Parco della Pace. Blasioli: “Pronto all’affidamento il piano con altre 1.075 verifiche. Domani la messa in sicurezza dei pioppi di via Avezzano”

Il vice sindaco con delega ai lavori pubblici Antonio Blasioli spiega che: “Domani riapriranno tutti i parchi cittadini tranne il Parco della Pace di via Aterno dove un grosso cipresso “Arizonica” è caduto scardinando la recinzione e quindi rimarrà ancora chiuso per qualche giorno, il tempo necessario alla messa in sicurezza.

Sempre domani inizieranno invece i lavori in via Avezzano per la messa in sicurezza dei pioppi da cui è derivato l’incidente di ieri. Stamattina, come già comunicato, sono stati riaperti alle 9,30 i due cimiteri di Pescara dopo una verifica che è stata condotta da Attiva e tale verifica è andata avanti anche in altre aree verdi della città, fuori dai parchi.

Voglio ringraziare i Vigili del Fuoco che stanno supportando il Servizio Verde del Comune e la Polizia Municipale nei lavori di messa in sicurezza

In merito alla manutenzione del verde in città che, stando a quanto riporta la stampa, per qualcuno questa Amministrazione non starebbe facendo, mi corre infine precisare un paio di dati che dimostrano che Pescara non è all’anno zero:

– 1.200 sono stati gli alberi già oggetto di una prima campagna di verifica e manutenzione a fronte della quale sono stati tagliati 120 alberi di vario genere, perché pericolosi per la pubblica incolumità.

– 1.075 è invece la quota di alberi che saranno interessati dalla seconda campagna di verifica in fase di affidamento, la ditta è stata individuata, gli uffici stanno facendo la verifica dei requisiti e poi appalteranno.

– Una verifica a parte interessa la riserva e il parco d’Avalos: si sta individuando una ditta che possa occuparsi solo di quella, perché ci sono stati diversi crolli all’interno.

– Inoltre ci sono 60 verifiche strumentali in corso a fronte della prima campagna, per vedere se si possono evitare i tagli su alcune alberature non ritenute particolarmente pericolose ma a rischio.

– Circa 240 sono le ripiantumazioni effettuate a cui si aggiungerà presto una quota di circa 2.000 alberi che verranno donati alla città e di cui presto parleremo.

Attività, quelle elencate, che non trovano precedenti nella storia amministrativa e verde della nostra città”.

Sii il primo a commentare su "Pescara, parchi chiusi per le verifiche sugli alberi "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*