Inchiesta mare inquinato: richiesta d’archiviazione per il sindaco

Inchiesta mare inquinato: richiesta di archiviazione per il presunto falso del sindaco Alessandrini, che resta indagato per omissione.

In merito alla vicenda dell’Ordinanza fantasma per il mare inquinato la scorsa estate a Pescara, avanzata richiesta di archiviazione per il sindaco Alessandrini. Il primo cittadino comunque dovrà rispondere insieme al Vice Sindaco, Enzo Del Vecchio, e al dirigente Tommaso Vespasiano della ipotesi di reato di omissione in atti di ufficio. In particolare  i pm Anna Rita Mantini e Mirvana Di Serio hanno depositato l’avviso di conclusione delle indagini. E’ stata contestata la circostanza di non essere intervenuti subito con provvedimenti idonei a contrastare l’inquinamento del mare a fine luglio. Nei prossimi venti giorni gli indagati potranno ulteriormente produrre elementi difensivi a loro supporto. Per l’accusa di aver falsificato la data dell’ordinanza invece chiesta l’archiviazione sia per Alessandrini, che per entrambi gli altri indagati.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Inchiesta mare inquinato: richiesta d’archiviazione per il sindaco"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*