Scafa, 40 licenziamenti alla Italcementi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Scafa, 40 licenziamenti alla Italcementi. Per i lavoratori della Italcementi di Scafa si avvicina il giorno più amaro. “Entro la prima decade di novembre saranno spedite, infatti, 90 lettere di licenziamento ai lavoratori Italcementi dei siti di Scafa (40 lavoratori) e Monselice nel padovano (50 lavoratori)”:

l’allarme lo hanno lanciato i sindacati al termine dell’incontro tenuto a Roma, presso la sede di Federmaco, i quali hanno affermato che:

“non vi è certezza da parte del Governo circa la possibilità di prolungare gli ammortizzatori sociali previsti dalle norme vigenti. L’azienda ci ha comunicato che, viste le proiezioni di mercato per il 2016 e il 2017, c’è il rischio che anche altri siti, in particolare i centri di macinazione, possano essere messi in discussione. Se cosi fosse, vi sarebbero ulteriori esuberi oltre a quelli già annunciati per la sede di Bergamo, per le cementerie e per due centri di macinazione”.
“L’assenza del piano industriale da noi richiesto dopo l’acquisizione del gruppo da parte di Heidelberg, la conferma che solo 40 ricercatori resteranno presso il centro mondiale di ricerca in Italia e solo 195 nella sede amministrativa, l’affermazione della direzione Italia di non essere in grado di modificare ciò che il gruppo Heidelberg deciderà in futuro, sono – secondo i sindacati – un segnale inequivocabile della intenzione di Italcementi di ridurre la propria presenza in Italia”.

Per il sito cementizio della Val Pescara si prevede un durissimo colpo in quanto ai 40 lavoratori aziendali se ne dovranno aggiungere un centinaio dell’indotto che rischiano di perdere definitivamente il lavoro. Da parte sua l’Azienda replica che:

“Italcementi ha confermato ai sindacati gli impegni sottoscritti in sede ministeriale il 3 dicembre 2015. Tutte le misure annunciate nell’incontro, in particolare quelle relative ai siti di Scafa e Monselice, sono infatti contenute negli accordi firmati lo scorso anno al Ministero del Lavoro dalle rappresentanze sindacali e dei lavoratori e da Italcementi. Non è prevista nessuna lettera di licenziamento, ma l’annunciata apertura di una procedura di mobilità in vista del termine della copertura della cassa integrazione per i lavoratori di Scafa e Monselice, in scadenza il 31 gennaio 2017. Per quanto attiene il Piano Industriale di Italcementi, esso rimane confermato nelle sue modalità e nei suoi presupposti. La riorganizzazione in atto nei siti produttivi non è collegata all’ingresso di Italcementi nel Gruppo HeidelbergCement, ma è dovuta alle condizioni di un mercato, quello del cemento, passato negli ultimi dieci anni da 47 milioni a meno di 19 milioni di tonnellate all’anno. Italcementi conferma in ogni caso la propria apertura al confronto con le parti sociali per individuare le migliori modalità per gestire l’attuale fase di riorganizzazione delle attività in Italia.”

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Scafa, 40 licenziamenti alla Italcementi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*