Marco Pannella è morto

Marco Pannella è morto. Addio Marco Pannella! Lo storico leader del Partito Radicale, considerato uno dei politici più importanti e influenti della storia della repubblicana dell’Italia, è deceduto stamani in una clinica privata a Roma, dove era ricoverato da mercoledì sera. Aveva 86 anni e da tempo era malato di cancro. A Teramo il Sindaco Brucchi ha proclamato per domenica prossima  il lutto cittadino.

Marco Pannella è morto: il leader radicale ha cessato di vivere oggi alle 13,45 nella Casa di Cura Nostra Signora della Mercede dove era stato ricoverato ieri. La notizia ufficiale è stata data da Alessio Falconio , direttore di radio Radicale, poco dopo le 14,00 interrompendo il consueto notiziario pomeridiano. Da tempo Pannella combatteva contro il male che lo aveva invaso. L’esponente radicale, abruzzese di Teramo aveva dato il suo nome alle battaglie civile e politiche più importanti dell’arco dell’ultimo mezzo secolo, dall’ aborto al divorzio. Il Papa aveva chiesto notizie e martedì gli aveva fatto arrivare il suo saluto. Così come numerosissime sono state le testimonianze di vicinanza ed affetto di uomini politici, giornalisti e personaggi pubblici nei suoi confronti. Difensore degli emarginati, censore della partitocrazia e politico navigato, alfiere dei diritti individuali e inventore della disobbedienza civile, Pannella era stato tutto questo e molto altro ancora. Uno capace di attirare tra i radicali i giovani contestatori degli anni settanta e poi, vent’anni dopo, di allearsi con Berlusconi. Ma nessuno direbbe che è stato un voltagabbana. Per lui l’importante era far vincere le sue idee. Certo non è stato un politico convenzionale: farsi arrestare per aver fumato uno spinello in pubblico (successe nel 1975) non è da tutti. Anche la sua vita privata è stata fuori dagli schemi.

Intanto si è appreso che con una camera ardente nella sala consiliare del Comune, la città di Teramo saluterà domenica, per l’ultima volta, il suo concittadino e leader dei radicali Pannella. Ad annunciarlo il sindaco Maurizio Brucchi, che spiega come la salma di Pannella arriverà a Teramo intorno all’una di domenica mattina e come la camera ardente resterà aperta fino alle 15 quando partirà alla volta del cimitero di Cartecchio dove alle 16 sarà tumulata nella cappella di famiglia. E proprio per la giornata di domenica il sindaco ha proclamato il lutto cittadino, invitando docenti e presidi a dedicare la giornata di sabato al ricordo di Marco Pannella con approfondimenti e momenti di studio su una delle figure simbolo delle lotte per i diritti civili e sociali.

Da marzo, quando si sono intensificate notizie su un aggravamento delle condizioni fisiche di Pannella (in lotta con un tumore ai polmoni ed uno al fegato), si sono moltiplicati gli allarmi ma anche le testimonianze di affetto nei suoi confronti anche dall’Abruzzo (che il 10 dicembre 2014 lo ha insignito della “Medaglia Aprutium“) , ed in particolare da Teramo, la sua città natale che gli ha conferito lo scorso 12 maggio anche la cittadinanza onoraria. Il sindaco Maurizio Brucchi venerdì scorso si era recato di persona nell’abitazione romana di Pannella per consegnarli simbolicamente le chiavi della città.

Membro della Gioventù liberale, Marco Pannella è stato tra i fondatori nel 1955 del Partito Radicale dei democratici e dei Liberali. Il nuovo Partito Radicale riprese il nome della storica formazione dell’estrema sinistra storica.  Tra i più longevi personaggi della scena politica (è stato deputato dal 1976 al 1992), Marco Pannella è stato uno dei protagonisti delle battaglie civili degli anni settanta e della fase di transizione tra la prima e la seconda Repubblica. La sua azione politica lo ha portato a essere noto, come leader politico italiano, per aver fatto costantemente ricorso ai metodi della lotta politica nonviolenta (come scioperi della fame, disubbidienza civile e sit in di protesta. ecc.) In quest’ottica, ha praticato decine di scioperi della sete e della fame, con l’intenzione di affermare la legalità o, secondo le sue parole, il “diritto alla vita e la vita del diritto”. Oltre alle cariche di deputato ed europarlamentare è stato presidente della XIII circoscrizione del Comune di Roma (Ostia), Consigliere Comunale a Trieste, catania, Napoli, Teramo, Roma e L’Aquila. Consigliere Regionale del Lazio e in Abruzzo, e segretario del Partito Radicale.

E’ morto Marco Pannella: il servizio del Tg8

 

Teramo: Pannella e le chiavi… false. Il servizio del Tg8

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Marco Pannella è morto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*