Tra i rifiuti gli abiti per i terremotati

Tra i rifiuti gli abiti per i terremotati. Sconcertante il ritrovamento fatto dagli uomini del Corpo Forestale dell’Aquila, di numerosi scatoloni contenenti scarpe, anche griffate, ed abiti donati dal movimento politico Casa Pound ai terremotati dell’Aquila, ed abbandonati nei locali dell’autoparco comunale.

Decine di scatoloni contenenti scarpe nuove firmate ed abiti mai messi, regalati dal movimento politico all’indomani del terremoto del 2009. Donazioni rimaste abbandonate nei locali di Via Rocco Carabba, tra i rifiuti e la sporcizia. Ad un primo esame sarebbero oltre duemila le scarpe di una prestigiosa griffe americana, peraltro molto di moda tra i giovani, le Vans, oltre ad abiti da lavoro e di altro genere, donate dagli attivisti di Casa Pound ai terremotati dell’Aquila ma mai distribuite. L’Operazione è stata eseguita dagli uomini del Corpo Forestale mentre la magistratura aquilana, con il PM Roberta D’Avolio, ha avviato un’inchiesta per far piena luce sui fatti ed i responsabili. Risalire a chi all’epoca dei fatti abbia preso in consegna la merce e quanti tra dirigenti e funzionari del comune fossero a conoscenza dei beni donati. Mentre l’intera area dell’autoparco comunale è stata posta sotto sequestro. Intanto si è appreso che la merce, sarà donata alle associazioni locali umanitarie tra le quali, la Croce Rossa e la mensa di celestino V, per distribuire la merce alle persone bisognose.

il video

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Tra i rifiuti gli abiti per i terremotati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*