#Noncifermanessuno: Abete al Liceo “Galilei”

#Noncifermanessuno, Luca Abete in visita al Liceo scientifico “G.Galilei” di Pescara. Il popolare inviato del Tg satirico “Striscia la Notizia” tra gli studenti del Liceo Scientifico di Pescara “Galileo Galilei” per promuovere l’iniziativa benefica #Noncifermanessuno.

Sogni e speranze spesso si infrangono nello scontro annichilente con delusioni e messaggi negativi. Ma… #Noncifermanessuno. Con questo slogan il guru dell’ottimismo, Luca Abete approda il 7 aprile nell’aula magna di via Vespucci tra i ragazzi del Liceo scientifico ‘Galileo Galilei’ di Pescara.
L’inviato del tg satirico Striscia la Notizia infatti ha imbastito da qualche anno un progetto davvero ambizioso e costruttivo, rivolto agli studenti, il vero carburante per la crescita del Paese: avvolgere le nuove generazioni di ottimismo, iniettare nelle loro vene il coraggio di andare avanti senza perdere di vista i propri obiettivi, stimolarli a essere costruttori del proprio futuro, strizzando l’occhio alla solidarietà. Partendo dalla sua esperienza personale, Abete dialogherà con i liceali, dando loro utili consigli per affrontare la vita con ottimismo e non arrendersi davanti alle difficoltà. Il tutto tra video, selfie, raccolta di testimonianze, autografi finali e domande di rito da parte dei ragazzi.

“Siamo davvero entusiasti di accogliere questa iniziativa”, dichiara il Dirigente scolastico del Galilei Carlo Cappello. “I giovani di oggi devono poter continuare ad alimentare i loro sogni. Non possiamo permettere, come genitori e come formatori, che i ragazzi siano scettici, disillusi e investiti da quanto di negativo rischiano di trovarsi davanti quotidianamente. Come scuola agiamo affinché i giovani possano avere messaggi positivi, costruire la loro autostima e la voglia di essere protagonisti. Per questo l’intervento di un beniamino televisivo può corroborare e galvanizzare notevolmente il nostro lavoro”.

Il progetto, dopo il successo della scorsa edizione (15 tappe e più di 10mila studenti coinvolti), sta attraversando l’Italia, visitando università e scuole. Attraverso la creazione di una community virtuale, una divertente app e una serie di appuntamenti in calendario, verrà alimentata la più grande comunità italiana di “donatori di entusiasmo”, che quest’anno avrà anche una speciale finalità benefica. Infatti, per ogni selfie sorridente che esprimerà il messaggio#NonCiFermaNessuno sulla app e sul sito www.noncifermanessuno.org, verranno donati pacchi di pasta al Banco Alimentare.

 

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

1 Commento su "#Noncifermanessuno: Abete al Liceo “Galilei”"

  1. david celiborti | 07/04/2016 di 01:00 | Rispondi

    Fa bene Luca Abete, lo chiamerei Luca “Quercia” che con la sua ironia e con la simpatia attraversa le zone malmesse di una bella Italia lasciata quasi morire! I rifiuti, le discariche a cielo aperto, il marketing del “buttato”: (tutto questo materiale lo si butta lontano da casa credendo di risolvere il problema!) che pena quella del loro abbandono, soprattutto dei rifiuti solidi, ingombranti, per non parlare di quelli inquinanti, è un problema dovuto all’ignoranza, che determina la rovina del paesaggio e fa male anche a chi lo provoca! Fa bene Abete ad andare in giro anche per indottrinare i giovani che non hanno più un punto di riferimento se non quello creato da loro stessi con la rabbia di chi sa di essere abbandonati al proprio destino, soprattutto negli anni dell’adolescenza! Il Liceo Scientifico G.Galilei di Pescara è un ottimo trampolino di lancio per un nuovo impegno che coinvolge giovani, che sicuramente potranno dare una risposta concreta, con gli occhi di novelli fanciullini (di Pascoli memoria!) con la semplicità, con l’ingenuità tipica loro, a problematiche a cui gli adulti, politici e non, non hanno mai saputo dare una risposta! David

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*