Guardiagrele, il papà di Noemi perde il lavoro

noeminoemi

Guardiagrele, il papà di Noemi perde il lavoro. In una nota giunta in redazione, che pubblichiamo integralmente, l’amara denuncia di Andrea, il papà di noemi la piccola di 4 anni affetta dalla Sma.

“È dura dover perdere il lavoro, non perché non hai le professionalità, ma perché devi semplicemente far vivere tua figlia”. È la denuncia di Andrea Sciarretta, papà di Noemi, la piccola di 4 anni di Guardiagrele affetta dalla Atrofia muscolare spinale (Sma 1), malattia neuro degenerativa assimilabile nel novero di quella rare, per la quale non ci sono terapie efficaci. Il giovane genitore, presidente della Onlus Progetto Noemi che ha creato per sensibilizzare l’attenzione su questi malati dimenticati, insieme alla moglie assiste sua figlia, la cui vicenda è salita alla ribalta delle cronache perché è stata ricevuta da papa Bergoglio e per le battaglie, anche legali, per accedere alle cure con il metodo Stamina. Sciarretta ha perso il lavoro nel giugno scorso dopo essere stato licenziato da un supermercato di Guardiagrele. Sciarretta usufruiva dei permessi retribuiti della legge 104, che prevede permessi ed altri sostegni ai parenti di malati gravi, il tutto per prendersi cura della figlia, che necessita assistenza continua 24 ore al giorno. Per lo stesso motivo anche la moglie di Sciarretta ha dovuto lasciare il lavoro. “Da giugno – spiega Sciarretta – sono senza lavoro, non mi è stato confermato il contratto nel supermercato di Guardiagrele dove lavoravo da sei anni, proprio nel momento in cui si prospettava il tempo indeterminato, che avrebbe garantito stabilità familiare. Per assistere mia figlia ho usufruito della legge 104, ovvero dei permessi retribuiti dall’Inps, per un massimo di 24 ore al mese, ore preziose per la vita di Noemi. Non so se sia stato questo mio usufruire di permessi ad aver determinato la cessazione del rapporto di lavoro, non voglio nemmeno pensarlo. Ho sempre garantito la mia presenza, seppur ridotta per legge, sul posto di lavoro”. Ora i due genitori, che hanno anche un altro figlio, sono entrambi senza reddito, in attesa che la Regione Abruzzo approvi finalmente il progetto di legge sul Caregiver, che darebbe finalmente un riconoscimento giuridico a chi assiste disabili pediatrici gravissimi e non, riconosciuti invalidi al 100 per cento e che necessitano di altissima complessità assistenziale, garantendo loro un assegno mensile “di cura”.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Guardiagrele, il papà di Noemi perde il lavoro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*